Senigallia, sei mesi per il figlio morto nell’incidente. Il papà patteggia per evitare il dolore bis

Senigallia, sei mesi per il figlio morto nell incidente. Il papà patteggia per evitare il dolore bis
Senigallia, sei mesi per il figlio morto nell’incidente. Il papà patteggia per evitare il dolore bis
di Federica Serfilippi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 22 Luglio 2022, 03:40

ANCONA - Sei mesi, pena sospesa, per non aver previsto un possibile pericolo dietro la curva e aver così concausato l’incidente che, la mattina del 20 agosto 2020, strappò alla vita il figlioletto, Christian Durazzi, di 6 anni.

Ieri, il papà Giacomo ha chiuso il conto con la giustizia, patteggiando davanti al gup Alberto Pallucchini. Era accusato di omicidio stradale. Non se l’è sentita di procedere con il rito ordinario: ha voluto evitare il dibattimento, un lungo processo che inevitabilmente avrebbe acuito una ferita che, con molta probabilità, non si rimarginerà mai. 


L’altro imputato 

L’imputato, 37enne di Senigallia, doveva dividere l’accusa con Fausto Albertini, di Fano, l’operatore di una ditta privata di servizi integrati per l’ambiente che in quel drammatico 20 agosto aveva parcheggiato il furgone di fronte a un’abitazione dalla quale stava recuperando elettrodomestici da rottamare. Albertini, anche lui 37enne, ha patteggiato un anno di reclusione, con la sospensione condizionale della pena. L’incidente aveva visto impattare la Fiat 500 dove viaggiavano padre e figlio con il mezzo da lavoro dell’operaio. Lo schianto era avvenuto sulla Strada della Bruciata, nei pressi dell’ex Snoopy di Senigallia. L’utilitaria non andava veloce. Eppure, il papà di Christian non era riuscito a schivare il camion dei rifiuti che sostava davanti a un’abitazione, occupando parte della carreggiata.

La dinamica

Stando alla ricostruzione degli inquirenti, il 37enne aveva sterzato, colpendo però la pedana del mezzo pesante, che era abbassata per caricare degli elettrodomestici. Il piccolo Christian, che viaggiava accanto al padre sul sedile anteriore destro con la cintura regolarmente allacciata, era morto praticamente sul colpo. Inutili i soccorsi per quell’angioletto di 6 anni, bravo a scuola e sui campi da calcio. Stando agli accertamenti eseguiti per conto della procura, l’operaio aveva posizionato il mezzo ingombrante dietro una curva, in un punto della strada privo di banchina: per gli inquirenti, avrebbe potuto accostarlo di più sul margine destro della carreggiata, che avrebbe invaso per circa 2 metri. Durazzi è stato assistito dall’avvocato Roberto Marini. L’altro automobilista è stato difeso dal legale Nicola Maria Ciacci. Chiuso il capitolo penale, rimane il dolore incommensurabile per la morte di Christian. Una perdita pianta da tutta la comunità di Senigallia e il cui ricordo è tenuto vivo da un memorial calcistico, la cui prima edizione si è tenuta lo scorso giugno. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA