Blitz dei vigili urbani, la barista non ha il Green pass: dipendente multata e locale chiuso cinque giorni

Blitz dei vigili urbani, la barista non ha il Green pass: dipendente multata e locale chiuso cinque giorni
Blitz dei vigili urbani, la barista non ha il Green pass: dipendente multata e locale chiuso cinque giorni
di Federica Serfilippi
2 Minuti di Lettura
Domenica 12 Dicembre 2021, 08:05 - Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre, 09:16

ANCONA - Dipendente trovata senza Green Pass: il bar dove lavora dovrà chiudere per cinque giorni. La sanzione, notificata in base alla violazione della normativa anti Covid, è stata staccata dalla polizia locale di Ancona, nel corso dei controlli eseguiti nei confronti delle attività commerciali. 

Il provvedimento

Il bar, situato nel quartiere della Baraccola, dovrà abbassare le saracinesche per cinque giorni. La dipendente dovrà inoltre pagare una multa del valore di 600 euro. All’atto delle verifiche, rafforzate dall’entrata in vigore del Super Green Pass come chiesto dalla Prefettura di Ancona, la donna è stata trovata senza il documento verde, obbligatorio per i lavoratori che operano in determinati settori. La dipendente non aveva con sé la cosiddetta certificazione verde base, ottenibile con un tampone rapido (validità 48 ore) o con un test molecolare (validità 72 ore). Dunque, non sarebbe neanche potuta entrare all’interno del bar. Nessuna criticità riscontrata, invece, per tutte le altre disposizioni governative applicabili alle attività commerciali. 


L’altro blitz
La stessa situazione (lavoratrice senza Green Pass) s’era presentata ai carabinieri lo scorso 6 dicembre, esordio del Super Green Pass per accedere a determinati servizi. In quell’occasione, i militari avevano chiuso un bar a Collemarino: una dipendente era stata trovata al lavoro senza la certificazione verde base. Lei era stata multata con una sanzione da 600 euro. Il gestore ha dovuto chiudere il locale per cinque giorni. In meno di una settimana di controlli sono state quindi fatte stoppare temporaneamente le attività di due locali per lo stesso motivo. Sempre in tema di multe notificate dalla polizia locale, giovedì e venerdì sono stati trovati in difetto tre cittadini, perché non indossavano la mascherina, obbligatoria in alcuni punti della città a rischio assembramenti. A ognuno è stata elevata una contravvenzione da parte della polizia locale da 400 euro. Due sono stati fermati mentre passeggiavano lungo corso Mazzini, un altro cittadino mentre percorreva senza dispositivo facciale piazza Roma. L’ordinanza sull’obbligatorietà della mascherina firmata dal sindaco Valeria Mancinelli è entrata in vigore l’8 dicembre e sarà valida fino al 9 gennaio del 2022 per arginare il più possibile il rischio contagio. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA