Anziano scompare, i familiari si mobilitano con le ricerche: era all’ospedale con il femore rotto

Anziano scompare, i familiari si mobilitano con le ricerche: era all ospedale con il femore rotto
Anziano scompare, i familiari si mobilitano con le ricerche: era all’ospedale con il femore rotto
di Gianluca Fenucci
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Giugno 2022, 07:05

ANCONA -  Si erano allarmati tutti, il figlio temeva che il padre, ormai non più mentalmente lucido, si fosse perduto da qualche parte ed il tam tam degli aiuti e dei soccorsi era partito. Ed invece, il 78enne di cui si erano perdute le tracce da alcuni giorni, è vivo e vegeto anche se con un femore fratturato e un ginocchio mal messo ed è ricoverato da alcuni giorni nella divisione di ortopedia di Torrette.

L’anziano abita ad Ancona, al Piano, ma ama spostarsi spesso e visitare i centri limitrofi: lo conoscono bene a Falconara e a Chiaravalle, ad esempio, dove talvolta si ferma a mangiare e a bere in qualche locale. E’ simpatico e affabile e tutti gli vogliono bene. Col tempo però la memoria diventa labile e la mente offuscata: qualche giorno fa, probabilmente domenica scorsa, è caduto in via Torresi, il suo femore ha fatto crac ed è stato necessario il ricovero a Torrette. 


Il 78enne non aveva documenti né cellulare e risalire alla sua identità stava diventando un’impresa anche perché non ricordava nulla. Doveva aver subito anche un trauma cranico. Il figlio, che abita a Castelfidardo ma domenica scorsa era fuori città, quando ha cercato il padre non lo ha trovato. Era preoccupato e si è recato ad Ancona nell’abitazione dell’anziano genitore. E’ entrato e l’ha trovata ordinata e pulita, col telefonino sopra il tavolo. Nulla che lasciasse presagire qualche problema o una scomparsa. Le ore però passavano e l’ansia aumentava: dell’anziano non c’era traccia. Il figlio era in preda al panico ed allora è scattata la solidarietà degli amici che si sono attivati per aiutarlo a rintracciare il padre e denunciarne la scomparsa. Lunedì sera ha anche ritrovato l’auto del padre, una Fiat Punto parcheggiata all’incrocio tra via Torresi e via della Montagnola.

Dopo avere sentito alcune persone che conoscono il 79enne, il figlio ha cominciato a pensare che poteva aver accusato problemi di salute e si è rivolto all’ospedale di Torrette. Il personale dell’ospedale ha confermato che c’era un uomo di 78 anni, ricoverato in ortopedia, che poteva essere davvero lui. Il riconoscimento è stato fatto in breve tempo anche se il figlio solo ieri pomeriggio alle 17,30 ha potuto riabbracciare l’anziano genitore, che era stato operato ieri mattina per la riduzione della frattura del femore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA