Serie C, l'Ancona mira ai piani alti ma sul super attico ci sono Reggiana, Entella e Cesena

Serie C, l'Ancona mira ai piani alti ma sul super attico ci sono Reggiana, Entella e Cesena
Serie C, l'Ancona mira ai piani alti ma sul super attico ci sono Reggiana, Entella e Cesena
di Daniele Tittarelli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Agosto 2022, 03:00

ANCONA Reggiana, Entella e Cesena in pole position, Gubbio e Carrarese possibili outsider. Il girone B di Serie C nasce con tre protagoniste della scorsa stagione nel ruolo di favorite in attesa del rush finale di mercato che potrebbe cambiare il volto di diverse formazioni ancora prive di un’identità precisa.  Dalla prima analisi emerge l’assenza di corazzate destinate a macinare vittorie e a creare il vuoto alle proprie spalle, come Modena e Reggiana nell’ultimo campionato, con l’equilibrio che potrebbe farla da padrone fino all’ultima giornata. Ne potrebbe approfittare l’Ancona che ha elevato il tasso d’esperienza con operazioni mirate allestendo un organico con meno scommesse e più giocatori abituati a lottare per traguardi di prestigio: vedi Perucchini, Mondonico, Gatto, Paolucci, Petrella, Di Massimo e Spagnoli. 


Le mosse delle big 


Riparte da un’ossatura consolidata la Reggiana, arresasi solo al fotofinish al Modena, che ha confermato Diana in panchina e acquistato il portiere Turk dal Parma rinforzando la difesa con Pierozzi dalla Pro Patria e Dossena dall’Avellino e ritoccando l’attacco con Pellegrini dal Pordenone e Sorrentino dal Montevarchi. Pesano però le cessioni di elementi esperti come Del Pinto al Potenza, Radrezza al Padova e Zamparo, autore di 18 gol la scorsa stagione. Quest’ultimo ha reso atomico l’attacco della Virtus Entella del riconfermato Volpe che potrà contare anche sui guizzi di Faggioli, autore di 14 centri con l’Ancona. Se dovessero rimanere Merkaj e Magrassi, che hanno mercato in B, i liguri sarebbero fenomenali davanti considerando gli altri innesti del portiere De Lucia dalla FeralpiSalò, del fantasista Clemenza dal Pescara e del difensore Parodi dall’Alessandria, perno dell’Ancona nel 2014/15. Ha sparato colpi roboanti pure il Cesena, affidatosi a uno dei tecnici più vincenti come Toscano (cinque promozioni in carriera) e rinforzato da elementi provenienti dalla cadetteria, vedi Bianchi dalla Reggina, Kontek dalla Ternana, Chiarello e Corazza dall’Alessandria. Davanti potrebbe però pesare l’assenza del bomber Bortolussi, ceduto al Novara. Possono inserirsi nei giochi che contano il Gubbio, che ha puntato sull’esperto Braglia (quattro promozioni in B con Catanzaro, Juve Stabia, Cosenza e Avellino) al timone, prendendo l’ex Carpi Mbakogu in attacco e l’ex Campobasso Bontà in mediana, e la Carrarese del nuovo tecnico Dal Canto, aggiudicatasi pezzi pregiati come Pelagatti e Della Latta dal Padova, Mercati dal Montevarchi e Plescia dall’Avellino. 


Outsider e incognite 


Potrebbero inserirsi nell’alta quota la matricola Rimini del confermato Gaburro, che annovera tre ex dorici (Delcarro, Sereni e Tofanari) e altri due volti noti ai palcoscenici marchigiani come Tonelli e Gabbianelli, in passato al Matelica, e il Siena del nuovo allenatore Pagliuca che dispone di pedine di spessore: da Ardemagni a Paloschi, dall’ex Ascoli Lanni all’ex Ancona e Fermana Frediani. Insieme a Fermana e Torres, che hanno ricevuto l’ufficialità del ripescaggio a inizio agosto, rappresentano al momento un punto interrogativo Imolese e Alessandria, scattate in netto ritardo e con rose tutte da costruire. Proprio ieri i grigi piemontesi hanno ceduto Parodi all’Entella acquistando in prestito dal Pescara il giovane centrocampista anconetano Luca Lombardi (20 anni a dicembre), fino a maggio alla Vis Pesaro. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA