Miguel Bosè negazionista: «Mia madre non è morta di Covid. C'è un disegno che non si vuole rivelare»

Lunedì 12 Aprile 2021
Miguel Bosè negazionista: «Mia madre non è morta di Covid. C'è un disegno che non si vuole rivelare»

Miguel Bosè negazionista del Covid. È stato lui stesso a dirlo in un’intervista andata in onda sul canale tv spagnolo La Sexta, andata in onda ieri sera e ripresa dalla stampa spagnola: il cantante ha descritto la sua vita piena di eccessi, e lanciato velate accuse a chi ha curato la mamma Lucia Bosè, morta il 23 marzo dell’anno scorso nell’ospedale di Segovia.

LEGGI ANCHE;

Iva Zanicchi attacca Akash a Domenica Live: «La stupidità è di tutte le età». Poi la sorpresa

 

«Sono negazionista, una posizione che porto avanti a testa alta - ha detto Miguel - C’è un disegno che non si vuole rivelare, è questa la verità». Quanto alla mamma, «non è stato il virus a ucciderla, ma qualcos’altro. Se parlassi direi cose molto pericolose per chi doveva curarla». Sull’argomento però non va oltre: già qualche mese fa aveva parlato di «dittatura sanitaria» riguardo l’obbligo di mascherina nei luoghi pubblici, e criticato ferocemente l’eventualità di un vaccino obbligatorio.

 

Bosè ha parlato anche del suo passato, tra droga ed eccessi: «Pensavo che la droga fosse una parte necessaria, legata alla creatività. Ma da un giorno all’altro smette di essere tua alleata e diventa un nemico - ha detto - non uscivo più nei locali, ma consumavo quasi 2 grammi di cocaina al giorno, fumavo marijuana e prendevo pastiglie». Infine, sulla relazione finita con l’ex compagno Nacho Palau: «Quando questa relazione ha iniziato ad andare male, ho perso la voce. Ero arrivato a non emettere più suoni. Ora almeno posso parlare».

Ultimo aggiornamento: 13 Aprile, 16:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA