Massimo Boldi testimonial della Regione Lombardia, Selvaggia Lucarelli mostra i post negazionisti dell'attore: «Le abbiamo azzeccate tutte»

Sabato 21 Novembre 2020
Massimo Boldi

Da negazionista a testimonial della Regione Lombardia. Massimo Boldi è il protagonista di un video promosso dalla giunta di Attilio Fontana per pubblicizzare il recente stanziamento di 167 milioni di euro destinati a tutte le categorie escluse dal recente "Decreto ristori" del governo nel corso della pandemia di coronavirus.

LEGGI ANCHE: Le Marche sono già in fermento. Obiettivo: riaprire il 3 dicembre. Ecco che cosa si potrà tornare a fare e che no

La partecipazione ha però suscitato qualche perplessità visto che Massimo Boldi negli scorsi mesi aveva accusato i potenti di terrorizzare il mondo con la scusa del covid e che in realtà le cose erano ben diverse da come venivano poste. Il comico aveva preso chiare posizioni negazioniste, quindi la scelta della giunta non ha convinto molti, tra cui Selvaggia Lucarelli. La giornalista ha pubblicato tre tweet sul suo profilo social, riportando le dichiarazioni di Boldi chiaramente negazioniste, i suoi inviti a non scaricare l'App Immuni. La Lucarelli ha sottolineato come questa decisione non sia stata proprio azzeccata e a sostenere la sua tesi sono le decine di commenti ai suoi post.

 

Nel video Boldi reinterpreta una scena del film "Eccezzziunale… veramente" del 1982, riproponendo celebri battute adeguandole all'attuale situazione della Regione. Poi conclude con un suo cavallo di battaglia: «Ciao cipollini lombardi, resistiamo. Vi voglio bene».

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 11:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA