GF Vip, Jo Squillo attacca: «Nella Casa coppie tutte finte. E la Ricciarelli è raccomandata»

Domenica 19 Dicembre 2021
Jo Squillo commenta molte love story all'interno della casa e rivela che molte sono studiate a tavolino

Nessun freno per Jo Squillo. L’attivista e conduttrice milanese, ospite a Radio Radio nella trasmissione Non succederà più, è tornata a parlare del Grande Fratello Vip 6, attaccando molti dei concorrenti ancora in gara. Nel suo mirino è finita Katia Ricciarellicon la quale nella Casa ha avuto diversi battibecchi. Non si è risparmaita neanche su Gianmaria Antinolfi e Sophie Codegoni. Secondo Jo, "la coppia" ha creato a tavolina una love story andando alla ricerca della fama, stessa strategia usata da Alex Belli e Soleil. Parole dolci invece per Manuel Bortuzzo e Lucrezia ‘Lulù' Selassiè. E sulla Ricciarelli, definita una concorrente «favorita e, tra virgolette, raccomandata». Non è la prima volta che la Squillo tuona sulla soprano. Inoltre ha ricordato che l’ex di Pippo Baudo gode di agi che nessun altro ha al GF Vip, come camera e doccia personali.

LEGGI ANCHE

Gf Vip, Alex Belli e Delia a Verissimo e Silvia Toffanin tuona: «Gara a chi recita meglio: furbetti»

«Gianmaria e Sophie si sono messi d’accordo per combinare la love story, io non amo queste cose, è tutto finto», dice Jo delusa dall’aver scoperto che sia Antinolfi che la Codegoni hanno organizzato la liaison: «Quando mi sono accorta di questa roba, mi è crollato un mondo, ci sono rimasta male. Quelle cose che dici: ‘Ma non ci posso credere!’. Bravo ragazzo quando l’ho conosciuto, poi ho capito che era veramente in cerca di fama e fame».

La cantante fa riferimento anche a Alex Belli-Soleil e dice: «sceneggiatura scritta a quattro mani», con la messa in scena di una «sceneggiata credibile, fatta bene».

Parole di bontà invece per Lulù e a Bortuzzo che si sono davvero ritrovati ed ora sembrano assai affiatati e convinti a dare vita a qualcosa di serio. «Manuel è meraviglioso, aveva bisogno di una persona pura come Lulù. Lui ha bisogno di lei e lei di lui».

© RIPRODUZIONE RISERVATA