Morta Catherine Spaak, l'attrice e cantante aveva 77 anni: nel 2020 fu colpita da emorragia cerebrale

L'attrice era ricoverata in una clinica romana

Lunedì 18 Aprile 2022
Morta Catherine Spaak, l'attrice aveva 77 anni

È morta l'attrice Catherine Spaak. Il decesso a Roma in una clinica in via Carlo Poerio. Aveva compiuto da poco 77 anni. Nel 2020 era stata colpita da una emorragia cerebrale. Catherine Spaak è stata un'attrice, cantante, conduttrice televisiva e ballerina, popolarissima diva cinematografica degli anni Sessanta e Settanta. Nata in Francia da una famiglia belga che vantava attori, attrici, sceneggiatori e anche un primo ministro,  Catherine Spaak ha passato gran parte della sua vita in Italia, paese nel quale ancora viveva e che amava profondamente, divisa fra la casa di Roma e quella nella Sabina reatina.

Chi era Catherine Spaak 

Sulla cresta dell'onda dai primi anni '60 (al suo debutto nel film "Il Buco" aveva appena 14 anni), fu protagonista della grande commedia all'italiana: celebri le sue interpretazioni in "Il sorpasso", "L'armata Brancaleone", "Adulterio all'italiana" e "La matriarca". Molto affezionata alla sorella Agnès, anche lei attrice e fotografa, aveva vari matrimoni alle spalle: il primo con Fabrizio Capucci, sposato nel 1963, il secondo con Johnny Dorelli, nel 1972. Nel 1993 sposò invece l'architetto Daniel Rey, mentre l'ultimo matrimonio risale al 2013 con Vladimiro Tuselli: di recente però Catherine aveva dichiarato di essere single.

Negli ultimi anni era diventata proprietaria di un resort nelle colline della Sabina a Collevecchio (Rieti): il Relais Casa Infinita.

Nella Sabina reatina Catherine Spaak era sbarcata fin dalla fine degli anni Novanta: stregata dai paesaggi e dal verde delle colline aveva comprato e ristrutturato un casale fra gli ulivi. Discreta e sempre naturalmente elegante trascorreva lunghi periodi tra passeggiate, relax e sortite a Collevecchio: non era raro incontrarla per le vie del paese, per lei quasi un prima casa con cordialissimi contatti con gli abitanti della zona. Alle feste patronali non mancava mai così come il suo sostegno a iniziative legate al teatro e agli spettacoli di danza.

Dopo le esperienze nel cinema e nella musica era passata alla tv. Dal 1985 al 1988 conduce le prime tre edizioni di Forum con il giudice Santi Licheri, all'interno di Buona Domenica. Ma la consacrazioen arrivò  con Harem, trasmissione che condusse su Rai3 per oltre 15 edizioni. Nel 2007 ha partecipato come concorrente a "Ballando con le stelle", venendo eliminata alla terza settimana

Da qualche mese ormai la Spaak era assente dalle scene: in una delle sue ultime interviste, un anno fa, raccontò di aver avuto un'emorragia cerebrale ai tempi del primo lockdown, e successivamente delle crisi epilettiche. Aveva due figli: Sabrina Capucci, nata dal suo primo matrimonio, e Gabriele Guidi, nato dall'unione con Johnny Dorelli.

Nel 1963 ottiene la Targa d'Oro ai David di Donatello. Nell'Italia degli anni Sessanta la Spaak si fa anche un nome come cantante, conquistando la vetta delle Hit parade, con alcuni singoli di successo, trainati dalla sua partecipazione ai varietà più famosi dell'epoca: su tutti l'evergreen citatissimo L'esercito del surf. Nel musical televisivo 'La vedova allegra', diretto da Antonello Falqui incontra Johnny Dorelli, che sposerà nel 1972 e da cui avrà un figlio, Gabriele, prima della separazione nel 1979.

Negli anni Settanta la sua attività cinematografica si dirada mentre affianca a quella televisiva una attività giornalistica, collaborando con il Corriere della Sera, Amica e TV Sorrisi e Canzoni. Dal 1985 al 1988 conduce le prime tre edizioni di Forum all'interno di Buona Domenica su Canale 5 ma il suo successo televisivo più grande è il talk-show Harem condotto per 15 edizioni su Rai 3. Dopo la trasmissione 'il sogno dell'angelo' condotto nel 2002-2003 su La7 la sua presenza si ritrova solo come ospite in alcune trasmissioni come 'Ballando con le stelle' o 'L'isola dei famoso'. Dal 1993 al 2010 è stata sposata con l'architetto Daniel Rey e dal 2013 al 2020 con Vladimiro Tuselli.

 

L'ultima intervista: «Ho avuto un'emorragia cerebrale»

Nella sua ultima intervista televisiva, datata agosto 2020, Catherine Spaak aveva rivelato a Storie Italiane di essere sopravvissuta a un'emorragia cerebrale: «Non provo nessuna vergogna a parlarne. Tante persone che hanno problemi di salute tendono a nasconderlo. Sei mesi fa ho avuto un'emorragia cerebrale e, successivamente, delle crisi epilettiche dovute alla cicatrice».  

L'attrice spiegò: «Non sono venuta qui solo per parlare del mio film. Voglio che alle persone arrivi un messaggio: se siamo malati non dobbiamo vergognarci. Un'emorragia non fa piacere a nessuno, ma oggi qui con il sorriso, con la capacità di ragionare e di parlare, ma anche di ribellarmi. Non ho perso la mia grinta e il mio coraggio. Dico a tutti che si va avanti».

 

Il ricordo

Classe, garbo, eleganza, talento, fascino aristocratico: così colleghi e fan ricordano Catherine Spaak, morta oggi a 77 anni, su Twitter. «Gentile garbata , per me con il suo 'harem', una musa ispiratrice. Mi dispiace moltissimo RIP #CatherineSpaak», scrive Simona Ventura. «Libera, affascinante, misteriosa, discreta... ciao #catherinespaak», è il ricordo di Antonella Clerici. «Un dolore forte. Ciao, Catherine», la testimonianza di Rita Dalla Chiesa. «Donna straordinaria, attrice ineguagliabile… L'ho sempre stimata per il rigore professionale e per la profonda sensibilità… Sono da sempre una sua ammiratrice, e lo sarò per sempre», dice Barbara D'Urso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA