Benigni, Sgarbi lo attacca: «La dedica alla moglie è scopiazzata». Scoppia la polemica, cosa è successo

Sabato 4 Settembre 2021
Sgarbi smaschera Benigni: «La dedica è scopiazzata», scoppia la polemica sui social

Roberto Benigni ha commosso la moglie Nicoletta Braschi e l'Italia intera con le sue parole alla cerimonia di premiazione per il Leone d'Oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia. «Conosco una sola maniera per misurare il tempo: con te o senza di te», queste le parole emzionanti pronunciate dall'attore e comico toscano. Ma Benigni doveva fare i conti con Vittorio Sgarbi. 

LEGGI ANCHE

Benigni alla Mostra del Cinema esulta con il Leone d'Oro e si appella a Mattarella: «Presidente, resti ancora qualche anno»

 

 

Con un Tweet il critico ha fatto notare al mondo social che la frase era «scopiazzata». Una dedica alla moglie, presa in prestito da Jorge Luis Borges. Un'accusa di plagio che sicuramente non è sfuggita al mondo dei social. «Ma se non citi la fonte (Jorge Luis Borges) e fai il 'fenomeno', è plagio?» una domanda più ironica che retorica, ma non è finita qui.

 

 

Sgarbi, poco dopo torna sulla dedica virale. «Il giornalista Giuseppe Brindisi mi segnala che al Festival del cinema di Venezia anche un'altra frase di Benigni, rivolta alla moglie, è stata, diciamo così, 'scopiazzata': 'Amore a prima vista, a ultima vista, a eterna vista'. E' la dichiarazione d'amore che Vladimir Nabokov fa fare dal professor Humbert alla sua Lolita. Non c'è che dire: Benigni è stato e continua ad essere un grande 'Pinocchio'».

 

Roberto Benigni non ha risposto alle provocazioni di Sgarbi. Ma molti fan del celebre attore e comico lo hanno fatto per lui. Una difesa a spada tratta nei confronti dell'amato Roberto Benigni che, nonostante abbia «scopiazzato» le sue dediche alla moglie, ha comunque commosso tutti

«Ha solo preso in prestito una bellissima frase d'amore per la sua splendida Nicoletta» twitta qualcuno. «Che pesantezza! - continuano - Intanto l'ha detto. Se tutti gli uomini imparassero ad elogiare la propria compagna in questo mondo, ci sarebbero più fenomeni e meno capre». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA