Green pass, la bidella di Imperia senza certificato da 5 giorni consecutivi: sospesa e senza stipendio

Martedì 21 Settembre 2021
Green pass, bidella di Imperia senza certificato da 5 giorni consecutivi: sospesa e senza stipendio

Niente Green pass, niente scuola. Ormai è così. È stata sospesa dal lavoro Laura Muratore, la bidella dell'istituto secondario Ruffini di Imperia, che oggi, per il quinto giorno consecutivo, si è presentata a scuola senza il Green pass. «Come da normativa ho dovuto allontanarla e procedere alla sospensione dal servizio - afferma il dirigente scolastico, Luca Ronco -. Da domani potrà presentarsi sul lavoro, soltanto se munita di Green Pass, e sarà reintegrata. Si spera che si chiuda questa triste telenovela».

Green pass, la colf sprovvista va sospesa. Bonetti: «Le famiglie devono controllare»

Per cinque giorni, infatti, come da contratto, la bidella, che non vuole vaccinarsi né fare i tamponi, si è presentata a scuola per evitare di essere segnata come assente ingiustificata. I primi tre giorni, tuttavia, ha insistito per prendere servizio, sostenendo di avere diritto al lavoro e successivamente di avere anche avuto il Covid, fattore questo che non è mai stato accertato. In questo caso, però, è stata sanzionata dal preside per essere entrata nell'istituto senza certificazione verde. In due occasioni, tra l'altro, sono dovuti intervenire polizia e carabinieri. La dipendente, comunque, non rischia il licenziamento: «Il Decreto 111 prevede la tutela da licenziamento ed ha espressamente indicato l'impossibilità di procedere a sanzioni ulteriori. Lei ha già raggiunto il massimo della sanzione possibile ovvero la sospensione dallo stipendio e da ogni contributo previdenziale».

Maestra no vax in ospedale per Covid, il papà: «Mia figlia si è fidata di un gruppo di esaltati»

Il dipendente No pass subito senza stipendio. E può essere sostituito

Questa vicenda mi lascia con l'amaro in bocca, perché ho il dubbio e il timore che questo sia un modo per avere visibilità mediatica, in quanto non porta a nessuna soluzione - conclude il preside -. Procedere così non aiuta la scuola, nè la signora e neppure l'attività di una normale scuola in un percorso educativo».

 

 

Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 11:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA