Pesaro, sorpreso con le dosi di eroina pronte da spacciare, in casa ha due panetti di oppiacei "fatti in casa"

Mercoledì 4 Marzo 2020
Pesaro, sorpreso con le dosi di eroina pronte da spacciare, in casa ha due panetti di oppiacei "fatti in casa"

PESARO - Lo hanno preso durante la pausa pranzo del lavoro, momento in cui secondo i poliziotti avrebbe incontrato i clienti per cedere l’eroina. Droga sigillata, pronta per essere ingerita in caso di controlli. A finire in manette un operaio 35enne di Pesaro, vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, trovato in possesso anche di due panetti e mezzo di oppiacei da lui prodotti con piante coltivate al sud.

LEGGI ANCHE:
Droga nascosta in casa e nell'auto, la Finanza arresta un albanese

Coronavirus, nelle Marche 3 morti e salgono a 84 i positivi, 14 pazienti in terapia intensiva. Sono 501 le persone in isolamento domiciliare


All’uscita del giovane dal lavoro gli agenti lo hanno bloccato. La perquisizione personale ha portato subito al sequestro di una dose di eroina del peso di mezzo grammo circa e la perquisizione in casa ha permesso di rinvenire ulteriori otto dosi di eroina del peso totale di 4 grammi circa. Nel garage sono stati rinvenuti oltre a due bilancini e a materiale per il confezionamento delle dosi, anche un pezzo di hashish del peso di 5 grammi circa e due “panette” e una mezza “panetta” di una sostanza gommosa di colore marrone, del peso complessivo di 250 grammi, confezionate con carta e pellicola trasparente. Sostanza positiva al narcotest per la ricerca di oppiacei. Particolare curioso era che il giovane, nel confermare che la sostanza conteneva oppiacei, ha riferito di averla estratta da solo, artigianalmente, mediante un procedimento di essiccazione prima ed ebollizione poi di alcune piante presenti in Italia, in alcune regioni del sud. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA