Arrivano le fiale di Moderna, ripartono le vaccinazioni Covid nelle case di riposo

Mercoledì 17 Febbraio 2021 di Letizia Francesconi
Pesaro, arrivano la fiale di Moderna, ripartono le vaccinazioni Covid nelle case di riposo

PESARO - Ora che le dosi anti- Covid “Moderna” stanno per essere consegnate alla nostra all‘Area Vasta 1, può ripartire il “Piano vaccinale” per le residenze protette ed Rsa. La responsabile del Distretto sanitario di Pesaro Elisabetta Esposto, ha comunicato ieri ai medici delle 4 équipe territoriali la ripresa delle somministrazioni ad anziani ospiti delle strutture e in maniera diffusa, a tutti gli operatori sanitari propri o dipendenti delle cooperative.

 

Un piano di azione massiccio e capillare a partire dal prossimo fino settimana in concomitanza con l’avvio della campagna vaccinale regionale over 80, e che proseguirà fino alla prima decade di marzo. Focolaio finalmente spento, dopo tre mesi, alla struttura Roverella del Consorzio sociale Santa Colomba. Le dosi: sono 1100 le dosi complessive per l’Area Vasta 1, conferma la dottoressa Esposto e riservate ad Rsa e residenze per anziani. 

La programmazione

«Finalmente – commenta – è possibile, grazie anche il supporto dei medici vaccinatori, programmare le somministrazioni mancanti con una certa celerità e tranquillità». Situazione rientrata in questi giorni, dopo l’ultimo e importante focolaio, anche a Casa Roverella. «Il focolaio che ricordiamo era partito nei primi del mese di dicembre, si è spento, così è stato comunicato ieri da Asur – annuncia l’assessore ai Servizi sociali, Sara Mengucci – la campagna vaccinale può rimettersi in moto . Le strutture stanno ultimando la raccolta dei consensi dai familiari degli ospiti o loro rappresentanti legali e fra gli operatori, alcuni dei quali si sono iscritti nell’apposita piattaforma regionale, e attendono la prima chiamata». Il piano: è il dottor Danilo De Santi, coordinatore dell’équipe territoriale di Pesaro a illustrare la ripresa della campagna per gli anziani in struttura. «Sulla base del piano comunicato, si riprenderà domani con la seconda chiamata a casa Padre Damiani. 

Le dosi

«Potremo contare su almeno 200 dosi disponibili per ogni struttura e la disponibilità di 2 o 3 medici d’équipe a struttura. Dal 22 al 26 febbraio i medici vaccinatori che daranno disponibilità, saranno impegnati con la prima chiamata per i 50 degenti a casa Aura di Santa Colomba. Dosi che in concerto con il Distretto e la struttura stessa, dovranno essere inoculate anche ai sanitari, che ancora non avevano aderito alla campagna regionale avviata fin dai mesi scorsi. Fra i primi ad essere vaccinati, personale dipendente Asur o in capo all’Amministrazione comunale, manca ora all’appello tutto il personale della cooperativa, 45 operatori, di cui circa 20 pare debbano ancora aderire. Di pari passo nella stessa settimana altri colleghi, procederanno con la struttura del Beato Sante di Mombaroccio». 

Casa Roverella

Casa Roverella: programma alla mano, nella settimana dal primo al 5 marzo medici di medicina generale e sanitari del Distretto avvieranno la prima chiamata anche a casa Roverella del Consorzio privato sociale Santa Colomba e dall’8 marzo si completerà il ciclo con la residenza delle “Maestre Pie” di via Spada. Casa Roverella è la struttura protetta con il numero più alto fra ospiti e personale in attesa della prima somministrazione , per questo il Distretto sanitario cerca il supporto di tre medici vaccinatori per completare la prima inoculazione in due giorni. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA