Picchio d’oro a Francesca Rossi, encomio del presidente a Sofia Scataglini

Picchio d oro a Francesca Rossi, encomio del presidente a Sofia Scataglini
Picchio d’oro a Francesca Rossi, encomio del presidente a Sofia Scataglini
di Antonio Pio Guerra
2 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Dicembre 2023, 03:55 - Ultimo aggiornamento: 12:07

ANCONA Le Marche premiano i loro figli nel mondo. Anzi, stavolta le loro figlie. Sono stati consegnati ieri alla Mole Vanvitelliana di Ancona il «Picchio d’oro» ed il «Premio del Presidente della Regione Marche». Una doppietta tutta al femminile, per una coppia di ricercatrici impegnate nel mondo del digitale e dello sviluppo, testimonianza di una regione che sa esportare eccellenze e know how. «E che ci ricorda come le discipline Stem siano particolarmente adatte alle donne» ricorda Lucia Albano, sottosegretaria all’Economia.

 


Ingegnere biomedico


Il «Premio del Presidente» è andato alla ricercatrice di Potenza Picena Sofia Scataglini, ingegnere biomedico e docente in Modellazione Umana Digitale all’Università di Anversa. «Sono onorata e sono contenta che questi premi siano andati a due donne», ha commentato sul palco, ricevendo il premio dalle mani di Francesco Acquaroli. «Sto provando a portare innovazione sul territorio, ma sto anche portando studenti del posto da noi ad Anversa con l’Erasmus», racconta. «Sono due onorificenze a cui tengo moltissimo - parole di Acquaroli - perché frutto di marchigiane che hanno lavorato all’estero, rivolte anche a quei giovani che silenziosamente, nella quotidianità, riescono ad avere successo e conquistare rispetto in dinamiche internazionali, pur partendo da un territorio come il nostro da cui non è facile affermarsi».

Docente di informatica

«Picchio d’oro» è volato invece tra le braccia di Francesca Rossi, già docente di Informatica all’Università di Padova ed esperta di Intelligenza Artificiale. Rossi lavora da 8 anni all’IBM, dove ha fondato e dirige un comitato per l’etica nell’uso dell’intelligenza artificiale. «È un doppio orgoglio - ha detto -, perché la Regione è attenta ai temi dell’etica e della tecnologia, e anche perché vedo che, nonostante viva fuori da tempo, che c’è ancora un legame stretto con questi territori». Il premio le è stato consegnato dal consigliere Carlo Ciccioli, presidente della commissione assegnatrice. «Nel ‘900 i marchigiani emigravano in cerca di benessere. Oggi i giovani costruiscono la loro carriera e una volta al vertice vanno fuori per conquistare posizioni prestigiosissime».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA