Le aziende agricole davanti alla sfida della digitalizzazione: nuovo appuntamento del progetto Biocereals

Giovedì 30 Settembre 2021
Le aziende agricole davanti alla sfida della digitalizzazione: nuovo appuntamento del progetto Biocereals

MONTEFELCINO - Innovazione, ricerca, tecnologia ed esperienza sono quattro pilastri fondamentali per ridurre i costi, aumentare la produttività, migliorare la gestione aziendale della filiera cerealicola biologica. Per approfondire quanto, e come, l’agricoltura di precisione possa venire incontro alle rinnovate esigenze del mercato e sostenere il comparto, grazie al progetto Biocereals.0 (PSR Marche 2014-2020 – Sottomisura 16.1) sono stati organizzati quattro seminari, di cui l’ultimo, in programma il 1 ottobre, dalle 17 alle 20, presso il Ristorante Il Torchio a Montefelcino (PU). Si tratta di una importante occasione di approfondimento e confronto sulle opportunità che offre una gestione agronomica ed economica rinnovata per il sistema agricolo marchigiano. Ricco il programma della giornata. Ai saluti e all’introduzione di Pierfrancesco Fattori (Montebello Cooperativa Agrobiologica) seguirà le relazioni di Francesco Solfanelli (Università Politecnica delle Marche) sulla Politica Agricola Comune a sostegno della transizione ecologica e digitale. Saranno invece Riccardo Fattori e Alessandro Vecchi (Montebello Cooperativa Agrobiologica) a soffermarsi sull’aspetto della digitalizzazione della filiera cerealicola biologica, dalla programmazione delle semine al monitoraggio delle aziende agricole. Concluderanno gli interventi Adriano Mancini e Francesco Maria Martini (Università Politecnica delle Marche) presentando il Decision support system (DSS) per la gestione delle aziende agricole cerealicole biologiche. Il seminario sarà moderato da Francesco Torriani, Presidente del Consorzio Marche Biologiche. È ormai innegabile che gli strumenti messi a disposizione per sostenere il cosiddetto Green Deal, la svolta ecologica, il futuro sostenibile, si intrecciano sempre più alle soluzioni che arrivano dalle sperimentazioni digitali, dalle schede per la rilevazione dei dati di campo con sensori installati nel terreno, indici satellitari e droni alla programmazione delle semine. Risulta in continua espansione, intanto, il processo di digitalizzazione delle aziende biologiche della filiera Montebello, che affrontano l’inizio della nuova stagione di programmazione delle semine con nuovi e preziosi strumenti capaci di integrare la sostenibilità ambientale con quella economica. Tra le novità più rilevanti c’è la “scheda grano”, per la rilevazione dati e parametri in campo, disponibile sia in versione web, sia nella versione più user friendly dell’app, nel DSS “AGRIGS”. Le schede consentono un monitoraggio costante ed efficace delle colture cerealicole, con la possibilità di analisi dei vari ambiti colturali (bbch, agrometereologica, stress abiotici, stato fitosanitario, flora infestante) e visualizzazione, in una mappa, dei punti esatti in cui è stato svolto il rilevamento, grazie alla georeferenziazione di ogni scheda. Evidente la duplice funzione positiva di questa implementazione tecnologica che, da una parte rassicura e mantiene costantemente informato l’agricoltore, dall’altra addestra il sistema con informazioni che aiutano a prevenire e risolvere nuove esigenze future.

© RIPRODUZIONE RISERVATA