Nella casa di riposo il virus fa altre vittime, quarto morto a Cingoli. La rabbia dei familiari: «Situazione sottovalutata»

Lunedì 23 Marzo 2020
La casa di riposo di Cingoli

CINGOLI - Ancora una drammatica giornata quella di ieri alla casa di riposo “Beata Angelina” di Cingoli dove un altro ospite contagiato dal Coronavirus è morto. Si tratta di un uomo di 72 anni con patologie pregresse.  Con lui salgono a quattro le vittime legate al virus all’interno della sgtruttura.

Non solo: a dolore si è aggiunto altro dolore. Sempre dentro la casa di riposo è morta ieri un’altra anziana ospite di 87 anni. Lei, a differenza degli altri, era però tra quei pochi risultati negativi al tampone per il Covid-19. La sua morte sarebbe avvenuta per altre cause non legate alla pandemia in atto. 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, altri 19 morti nelle Marche, meno di ieri ma abbiamo superato quota 200

La morte dell'anziano contagiato ha scatenato la rabbia dei familiari, tutti molto conosciuti in paese. «Non si può chiudere la stalla quando le pecore sono uscite – sono le prime parole di Angelo, uno dei fratelli  – Non ce l’aspettavamo anche perché tre giorni fa ci avevo parlato e mi aveva detto di stare bene, solo che erano due-tre giorni che la febbre si alzava e si abbassava. Tutta la questione è stata gestita molto male fin dai primi casi: dopo la segnalazione dei primi positivi al Coronavirus, questi dovevano essere trasferiti immediatamente e non lasciati lì dentro con tutti gli altri ospiti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA