Il sindaco Michelini e l’assessore Riccetti: «Troppi problemi per il Kursaal, tempi più lunghi per l’apertura»

Martedì 11 Gennaio 2022 di Giulia Sancricca
Il sindaco Michelini e l assessore Riccetti: «Troppi problemi per il Kursaal, tempi più lunghi per l apertura»

PORTO RECANATI -  «Il cineteatro Kursaal non è pronto per l’apertura. Non perché non corrisponde al progetto che vorremmo: i lavori effettuati non lo hanno reso praticabile». L’amministrazione torna sulla situazione della struttura che negli ultimi tempi è stata anche al centro delle puntualizzazioni dell’ex assessore ai lavori pubblici Rosalba Ubaldi. 

 
Se, infatti, l’attuale capogruppo del Centrodestra unito ritiene che «ai ritardi già confermati si sono aggiunti ulteriori interventi valutati dalla nuova amministrazione» dall’altra il sindaco Andrea Michelini e l’assessore Lorenzo Riccetti spiegano lo stato delle cose. «Stamattina (ieri per chi legge, ndr.) abbiamo effettuato il sopralluogo con una delle ditte che ha eseguito i lavori. La verifica si è resa necessaria a seguito della richiesta di pagamento di una fattura, corrispondente al saldo per lo stato finale dei lavori. Daniele Re, dell’ufficio competente, si è preso la cautela di effettuare un sopralluogo per verificare, prima di saldare il conto, che fosse tutto eseguito a regola d’arte e che tutti gli interventi previsti nel contratto fossero stati realizzati.

Il sopralluogo, però, ha aperto numerosi interrogativi da parte nostra, perché la situazione del Kursaal, ad oggi, è diversa da quella che si potrebbe pensare. È sbagliato pensare di avere una struttura che lascia presagire la possibilità di aprire le porte al pubblico in tempi rapidi perché, in realtà, ci sono tante cose che non vanno. Non parliamo - tengono a precisare - dal punto di vista della nostra idea sul Kursaal, ma semplicemente dal punto di vista delle scelte fatte e del risultato finale raggiunto. Il Kursaal ad oggi non è agibile - spiegano - . Anche volendo, non può essere aperto».


Secondo la nuova amministrazione, quindi, sarebbero state rilevate diverse situazioni da sistemare tanto da costringere il sindaco Andrea Michelini e l’assessore Lorenzo Riccetti a programmare i prossimi sopralluoghi per trovare una soluzione. «È necessario - dicono - effettuare un altro sopralluogo col progettista Andrea Natalini e col geometra Francesco Sancricca che ha preso il suo posto di direttore dei lavori. Lo stato finale del cantiere consegnato pochi giorni prima di Natale non corrisponde a una struttura che può essere fruita ed è per questo che vorremmo capire quanti hanno sbagliato fino ad ora». 


«Attualmente il responsabile del procedimento ha sospeso il pagamento della fattura a saldo - precisano - per valutare che tutto sia stato fatto regolarmente». Difficile, quindi, secondo Michelini e Riccetti, parlare di tempi per la riapertura della sala. «Fa male chiamare teatro o cinema quello che abbiamo visto - concludono - . Certo è che un lavoro che doveva essere fatto in pochi mesi ad oggi non è completato e ha portato a un risultato per noi inaccettabile».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA