Ada Fiore imprenditrice portorecanatese nella vetrina di Amazon

Venerdì 5 Marzo 2021
Ada Fiore imprenditrice portorecanatese nella vetrina di Amazon

PORTO RECANATI  - C’è anche una giovane portorecanatese tra le cinque imprenditrici italiane valorizzate da Amazon in una apposita vetrina in vista dell’8 marzo. La più grande internet company al mondo ha infatti deciso di celebrare la festa delle donne con una vetrina dedicata ai prodotti provenienti da imprese a guida femminile.

LEGGI ANCHE;

Addio Maria, la nonnina di Camerano: stroncata dal Covid, muore a 106 anni

 

Uno spazio per conoscere le loro storie e sostenere i progetti di imprenditrici e autrici che hanno avuto successo grazie a determinazione e impegno. Storie da cui emerge la tenacia di chi non si arrende per portare avanti la propria professionalità in un mondo che valorizza ancora poco il saper fare femminile.

È la stessa Ada Di Fiore di “Rebecca Mobili” a raccontare come ha fatto: «Sono nata nel 1989 in un piccolo paese abruzzese - racconta - , ho studiato diversi anni all’estero per poi tornare in Italia e laurearmi all’Università di Macerata in Mediazione Linguistica. Grazie ai miei numerosi viaggi e alla mia passione per la lingua cinese, appena laureata ho incontrato un imprenditore cinese che ha subito creduto in me. A 26 anni ho cominciato la mia sfida imprenditoriale: è stato un percorso molto faticoso, ma la voglia di successo mi ha portato a combattere e a fare ciò in cui credevo. Ho realizzato un’azienda giovane e dinamica, che vendesse complementi d’arredo online. Oggi, dopo 6 anni di intenso lavoro, l’azienda è cresciuta molto e guido un team di persone giovani e competenti, di cui il 55% sono donne. Essere una giovane donna a capo di un’azienda - ammette - purtroppo in Italia oggi non è ancora semplice: ci sono ancora molte barriere da abbattere e ancora molti pregiudizi, ma credo sia importante il saper affrontare le diverse situazioni e continuare ad andare avanti senza timore. Bisogna credere fermamente in quello che si vuole - conclude - ed essere pronte a sacrificarsi e a lottare ogni giorno».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA