Delitto di Pamela, niente overdose
«Uccisa da due coltellate»

Delitto di Pamela, niente overdose
«Uccisa da due coltellate»
MACERATA - Le foto del corpo devastato di Pamela mostrate in aula, l’udienza celebrata a porte chiuse, le frizioni tra medici legali e alla fine l’accelerazione che ha spiazzato tutti: il 15 maggio potrebbe chiudersi il processo a carico di Innocent Oseghale. La quarta udienza fiume del processo nei confronti del nigeriano accusato dell’omicidio di Pamela Mastropietro – ma anche di vilipendio, distruzione e occultamento di cadavere e violenza sessuale – è stata probabilmente la più dura al livello emotivo, la più importante al livello processuale e la più lunga in termini temporali (andata avanti ad oltranza per circa undici ore, dalle 9 alle 20, con tre brevi pause). 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Marzo 2019, 04:05 - Ultimo aggiornamento: 08:38