Colpo in tabaccheria, i ladri fanno fuori l'allarme e si portano via gratta e vinci e sigarette

Martedì 6 Ottobre 2020 di Alessandra Bastarè
La tabaccheria devastata dai ladri
MACERATA - Furto alla tabaccheria “Vintage” in piazza Ugo Pizzarello a Macerata nella notte di domenica: rubati gratta e vinci e sigarette. A fare la triste scoperta, ieri mattina, è stato il titolare della tabaccheria Mattia Quatrini quando alle 5:30, come di consueto all’apertura dell’attività, ha notato che il monitor del distributore di sigarette era spento e ha supposto che i ladri fossero riusciti a staccare l’allarme. E così è stato. 

 
«La signora che lavora nel ristorante qui vicino mi ha riferito che alle 3 di notte il distributore era acceso quindi suppongo che i malviventi (o il malvivente) siano entrati in azione tra quell’ora e le 5,30 quando io ho aperto la tabaccheria e ho scoperto quanto era accaduto – racconta -. Lo schermo dei distributore delle sigarette era spento e ho subito immaginato cosa era successo. Sono andato ad aprire la porta e non sono riuscito a far girare le chiavi quindi ho dovuto chiamare i vigili del fuoco che mi hanno aiutato. I malviventi sono riusciti a forzare la porta blindata, forse con un piede di porco, e una volta dentro – dopo essere riusciti a disattivare l’allarme - hanno rubato tutti i gratta e vinci e le sigarette portando via un ingente bottino». 
«A dicembre la mia attività compie sei anni e non mi era mai capitato di essere vittima di un furto – continua il titolare della tabaccheria in piazza Pizzarello-. Ora, pian pianino, cerchiamo di recuperare anche se ciò che dispiace è che non ci siano tutele; ho sentito i monopoli come l’associazione dei tabaccai ma nessuno mi dà una mano. Speriamo che l’assicurazione possa aiutarmi in tal senso perché i ladri se ne sono scappati con un bel bottino».
«Questa è la cruda realtà: devi pagare? Ti trovano anche sulla luna. Hai bisogno di giustizia? Ti lasciano solo come un cane – ha concluso Quatrini che ha denunciato quanto accaduto anche sui social -. Inutile nascondere quanto succede oggi. Ma io non mi fermo davanti a questa cattiveria gratuita nei confronti di un semplice ragazzo». Su quanto accaduto indagano i carabinieri di Macerata che dovranno dare un volto e un nome ai malviventi (o al malvivente).
  © RIPRODUZIONE RISERVATA