Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Picchia, la scaglia contro un termosifone e minaccia la compagna incinta: ragazzo di 24 anni nei guai

Picchia, la scaglia contro un termosifone e minaccia la compagna incinta: arrestato ragazzo di 24 anni
Picchia, la scaglia contro un termosifone e minaccia la compagna incinta: arrestato ragazzo di 24 anni
di Alessandra Bastarè
3 Minuti di Lettura
Martedì 18 Agosto 2020, 03:00

MACERATA  - Botte e minacce di morte alla compagna incinta e alla sua famiglia: 24enne dell’entroterra maceratese finisce ai domiciliari. Il giovane è stato arrestato dai carabinieri. Tutto avrebbe avuto inizio nell’ottobre del 2018 quando i due, un 24enne italiano e una 20enne di origini straniere residenti nell’entroterra maceratese, si sono conosciuti e hanno iniziato una relazione. I primi problemi, secondo quanto denunciato dalla donna, sarebbero arrivati subito dato che lui, geloso e ossessivo nei confronti dei rapporti che lei ha con la sua famiglia, avrebbe iniziato a proibirle di tenersi in contatto con i genitori fino ad arrivare a isolarla in una camera senza telefono cellulare. 


 
Schiaffi, botte e minacce di morte che sarebbero andate avanti per oltre due anni tra tira e molla continui, secondo l’accusa. Il 24enne, in un’occasione, avrebbe anche picchiato la 20enne in un parco pubblico e, con lei, anche due persone che erano intervenute per soccorrerla. La ragazza, all’inizio del 2020, scopre di essere incinta del suo compagno e in un’occasione, dopo l’ennesimo litigio in auto durante il quale lui avrebbe tentato, secondo quanto denunciato dalla donna, anche di strangolarla, si rifugia per ore tra dei cespugli nel tentativo di sfuggire al 20enne. Dopo la lite però sarebbe stata costretta a tornare a casa con lui non avendo un telefono cellulare – glielo aveva tolto il 24enne – per poter avvisare la propria famiglia.

Una volta tornati nell’abitazione dove i due convivevano lui avrebbe sbattuto la 20enne, incinta, contro il termosifone e avrebbe iniziato a picchiarla nuovamente. Qualche giorno fa la 20enne ha deciso di tornare a casa dalla sua famiglia e il padre della ragazza ha raggiunto l’abitazione del 24enne per recuperare alcuni effetti personali e sarebbe stato anche lui picchiato, sempre stando alla versione fornita dalla donna. Il 24enne, la scorsa settimana, avrebbe raggiunto l’abitazione della giovane e dei genitori con in mano una spranga di ferro minacciando di voler far abortire la 20enne. La giovane, difesa dalla famiglia, si è dovuta rinchiudere in una stanza per evitare l’ira dell’uomo. All’arrivo dei carabinieri il 24enne era già scappato. A seguito della denuncia della giovane il pubblico ministero Vincenzo Carusi ha chiesto l’emissione della misura detentiva del carcere. Il gip Giovanni Maria Manzoni ha disposto i domiciliari eseguiti tre giorni fa dai carabinieri. La 20enne è difesa dall’avvocato Luciano Maria Bora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA