Ateneo, porte aperte: corsi innovativi e più agevolazioni. Aumentano i ragazzi provenienti da fuori regione

Venerdì 30 Luglio 2021 di Andrea Mozzoni
Ateneo, porte aperte: corsi innovativi e più agevolazioni. Aumentano i ragazzi provenienti da fuori regione

MACERATA - Open day e presentazione dell’offerta formativa di Unimc ieri all’Orto dei Pensatori. Master, corsi di formazione e perfezionamento dell’Ateneo nel segno dell’umanesimo digitale sono stati illustrati dalla delegata all’Orientamento Pamela Lattanzi e dai referenti per l’anno accademico 2021-2022. Si è trattato del primo dei due incontri estivi (il prossimo è in agenda per il 26 agosto) previsti per fornire ai futuri studenti informazioni su corsi di laurea, servizi, procedure, scadenze, borse di studio e benefit.

 

In tal senso, l’Ateneo maceratese ha confermato le misure straordinarie di sostegno economico a beneficio dei nuovi iscritti con voucher fino a 500 euro per l’acquisto di libri universitari e dispositivi informatici, 30 borse di studio extra, agevolazioni per i più meritevoli e per chi ha genitori disoccupati o inoccupati, oltre alla no tax area fino a 20mila euro.  «Questa giornata ci ha consentito anche di far conoscere l’offerta per gli studenti già laureati di primo livello che guardano all’innovazione e alla digitalizzazione - ha spiegato Lattanzi -. Nella mattinata, invece, sono stati presentati i dipartimenti di Giurisprudenza e Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo e c’è stata una nutrita partecipazione. A master e corsi di perfezionamento di ormai consolidata reputazione si affiancano nuovi percorsi che, aprendosi a contaminazioni didattiche e collaborazioni, saranno in grado di fornire strumenti professionalizzanti anche in settori finora inediti».


Raddoppiano, infatti, i corsi perfezionamento trattando ambiti come “Blockchain, criptovalute, mercati internazionali” e “Digital marketing and sales”, “Etica, diritto, tecnologia del digitale”, fino alla “Comunicazione sportiva” e alla “Cybersecurity, cyber risk and data protection” o “L’alimentazione tra salute e sviluppo sostenibile”; senza dimenticare la seconda edizione di “Filosofia con comunità e con i bambini/le bambine” rivolto a insegnanti, formatori, educatori, operatori sociali, genitori, dottorandi, studenti dell’ultimo anno ma anche dirigenti aziendali. Tra i corsi, d’attualità è il dibattito sulle criptovalute: «Alcuni Paesi si stanno muovendo in modo più veloce di altri - ha affermato la ricercatrice del dipartimento di Economia e Diritto Marta Giovannetti -, in Italia abbiamo la fortuna di avere Gianluca Comandini, uno dei massimi esperti del settore, che con la sua agenzia interverrà nel corso con l’insegnamento delle buone pratiche verso le nuove tecnologie». 


Fra i master, una novità riguarda “Professioni per la comunicazione dell’antico” per imparare a realizzare prodotti culturali a contenuto storico di alta divulgazione scientifica e che può contare numerosi partner tra cui Focus Storia. Rilevante è poi il master “Progettare la polis - corso di formazione politica” che vuole proporsi come una scuola di politica permanente per imparare a leggere i cambiamenti negli scenari nazionali e internazionali. È alla seconda edizione il master “Umanesimo in rete: competenze digitali per la didattica, la scrittura digitale e la comunicazione” che si affianca alla proposta “storica”: Marketing e direzione aziendale; Didattica dell’Italiano in prospettiva interculturale; Formazione, gestione e conservazione di archivi digitali; Scienze amministrative e innovazione nella pubblica amministrazione. Non ultime, infine, le scuole di specializzazione in “Diritto sindacale del lavoro e della previdenza”, “Professioni legali” e “Beni storici-artistici”.
Soddisfatti i vari studenti accolti all’Open day, alcuni provenienti da fuori regione: «L’accoglienza è ricca di consigli - ha detto Marica Pellegrino da Camerino interessata a Economia e Diritto -, in futuro vorrei lavorare in Banca o fare la commercialista». Gaia Sorana è invece di Rosora, in provincia di Ancona: «Ho studiato turismo a Jesi e mi interessano la storia dell’arte e l’archeologia - ha affermato -, ho chiesto informazioni su alloggi, orari delle lezioni e funzionamento delle borse di studio. Vorrei insegnare storia dell’arte o lavorare in una agenzia di viaggi». È abruzzese di Atessa, in provincia di Chieti, Elena Gallucci: «Sono qui per il test per Scienze della Formazione primaria, a Macerata spero di trovare un ambiente sereno adatto per proseguire i miei studi, vorrei insegnare».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA