Addio porta a porta, partite le isole ecologiche: già 26mila conferimenti, e ora arrivano i sacchetti

Domenica 7 Febbraio 2021 di Serena Murri
Addio porta a porta, partite le isole ecologiche: già 26mila conferimenti, e ora arrivano i sacchetti

PORTO SAN GIORGIO - Più di 26mila conferimenti per le nuove isole ecologiche. Una «partenza positiva» secondo Loira e Ceccarani che da poco hanno inaugurato il nuovo sistema. A breve, a corredo delle nuove isole, arriveranno anche i distributori h24 di sacchetti e le telecamere di controllo. A una settimana dall’avvio del nuovo sistema di raccolta di rifiuti a isole che ha sostituito quasi integralmente il porta a porta per le utenze domestiche (eccetto alcune zone rurali) la Sgds analizza i primi riscontri.

 

Si è partiti con 3.800 conferimenti tra domenica e lunedì, per passare poi a 2.800 al giorno fino ai 2.400 di giovedì. In totale i conferimenti effettuati finora sono stati 23.811, ai quali si aggiungono 2.340 relativi alle isole da tempo installate nella zona nord. «Presto per fare delle statistiche accurate - spiega il direttore della Sgds Marco Ceccarani - ma da una prima analisi l’andamento dei conferimenti è simile a quello sperimentato a nord negli anni scorsi. Ci è stata segnalata qualche problematica relativa alle aperture ma si tratta di casistiche inferiori allo 0,5% del totale, risolte poi dai nostri operatori e dal servizio di assistenza».

«Considerato l’avvio contemporaneo di un elevato numero di isole, la partenza è stata positiva. Stiamo monitorando il sistema per apportare miglioramenti sulla base delle segnalazioni dei cittadini e del volume di lavoro che registriamo nelle isole. Vi sono posizionamenti ancora da definire insieme all’amministrazione per contemperare esigenze di prossimità, volumi di conferimento ed ingombro di alcune isole. Una volta che sarà definitiva la dislocazione procederemo all’installazione delle telecamere a supporto dell’attività di controllo degli ispettori ambientali per scoraggiare comportamenti difformi al metodo di conferimento».

Ceccarani rimarca che verranno installati «distributori automatici gratuiti, attivi 24 ore su 24, per il ritiro dei sacchetti attraverso la ecocard distribuita per ridurre i disagi, avendo un solo punto di distribuzione in Comune vincolato agli orari. Possono essere usati anche i sacchetti del porta a porta, riducendone il riempimento. Terminati questi, prima della scadenza dei 6 mesi canonici che viene ridotta a 4 per compensare l’utilizzo parziale, daremo una fornitura doppia con sacchetti ridotti, più adatti all’utilizzo delle isole. A breve si potrà accedere all’ecocentro tramite ecocard. Chi non avesse ancora ricevuto la tessera, l’ha smarrita o ne vuole una aggiuntiva (dietro cauzione di 5 euro), può recarsi ai nostri uffici in via Veneto n. 5. Per ridurre al minimo eventuali malfunzionamenti, il volume del sacchetto di rifiuti dell’indifferenziato deve essere delle dimensioni simili, da inserire senza eccessive forzature»

«L’avvio - conclude il sindaco Nicola Loira - è complessivamente più che soddisfacente. Ho chiesto alla società di porre particolare attenzione alle segnalazioni che provengono dai cittadini soprattutto per le questioni della vicinanza dei cassonetti, l’aspetto che sinceramente ci interessa maggiormente. Ringraziamo i cittadini, che con impegno e pazienza collaborano, la stessa avuta quando avviammo il porta a porta per una città più pulita e all’avanguardia». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA