Willy, i fratelli Bianchi in carcere: «Ma ora dovremo bere l'acqua di rubinetto?»

Lunedì 14 Settembre 2020
Willy, i fratelli Bianchi in carcere: «Ma ora dovremo bere l'acqua di rubinetto?»

In carcere per l'omicidio di Willy Monteiro Duarte, il ragazzo di 21 anni morto dopo un brutale pestaggio a Colleferro, la prima preoccupazione dei fratelli Bianchi riguardava l'acqua: «Ma adesso saremo costretti a bere l’acqua di rubinetto?», chiedevano Marco e Gabriele, accusati insieme a Mario Pincarelli e Francesco Belleggia. Secondo quanto scrive Alessia Marani sul quotidiano Il Messaggero, avrebbero posto la domanda domenica 6 settembre, mentre stavano per varcare la soglia del carcere di Rebibbia.

LEGGI ANCHE: Willy, i fratelli Bianchi e Pincarelli chiedono l'isolamento in carcere: «Hanno paura di ritorsioni»

Ossessionati dalla cura del corpo, per loro la mancanza dell'acqua minerale è un cruccio importante. Otto giorni dopo, i loro legali Mario e Massimiliano Pica faranno oggi ricorso al Riesame per ottenere una scarcerazione, puntando a confutare i motivi della trasformazione del capo di imputazione da omicidio preterintenzionale a omicidio volontario. I giudici decideranno dunque se respingere la richiesta o se accoglierla, permettendo ai tre di andare ai domiciliari lasciando il carcere. 


 

Belleggia, ora ai domiciliari, nei due giorni in carcere ha tastato il clima di odio da parte dei detenuti di Rebibbia: «Non vi vogliamo», le urla al loro passaggio, condito da sputi, scrive Il Messaggero. Un clima ostile che ha portato i legali a chiedere alla direzione del carcere e alla polizia penitenziaria tutela per i due ragazzi: «Oltre che doveri hanno dei diritti inviolabili», hanno detto, chiedendo di mantenerli in isolamento anche al termine dei 14 giorni di quarantena per il Covid.
 

 
Intanto diversi giovani si sono presentati per raccontare la loro testimonianza su quanto accaduto quella sera: tra le 10 e le 15 persone, non solo giovani, e tra loro anche i buttafuori dei locali. Le testimonianze coincidono sostanzialmente, scrive Il Messaggero, con le versioni dei fatti già note finora: a picchiare Willy, secondo i racconti di chi dice di aver visto tutto, sarebbero stati tutti e quattro i giovani arrestati. In particolare i fratelli Bianchi avrebbero sferrato mosse di arti marziali e pugni all’impazzata «sradicando i cestini dell’immondizia, buttando giù i paletti. Quando si è materializzata quell’auto sembrava calata una seconda notte», ha detto uno dei testimoni.

Ultimo aggiornamento: 11:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA