Omicidio Willy, revocato reddito di cittadinanza ai fratelli Bianchi. «Risse e pestaggi da anni, ma mai arrestati»

Venerdì 18 Settembre 2020
Omicidio Willy, revocato reddito di cittadinanza ai fratelli Bianchi. «Risse e pestaggi da anni, ma mai arrestati»

Il branco che ha picchiato Willy Monteiro Duarte fino a ucciderlo, poteva essere fermato prima. Tra risse, pestaggi, armi e droga, da tempo le autorità potevano procedere con l'arresto dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi, ma non era mai scattato perché servivano ulteriori approfondimenti di inchiesta. Come scrive oggi Alessia Marani sul quotidiano Il Messaggero, in molti non hanno mai denunciato per paura botte e soprusi della banda di Artena: ma quando qualcuno lo ha fatto, o quando la denuncia è partita d'ufficio, l'arresto non è scattato comunque.

LEGGI ANCHE: Willy, cambia l'accusa per gli indagati: omicidio volontario aggravato da futili motivi. Chiusa la palestra frequentata dai fratelli Bianchi


Nel mirino della Procura sono finiti anche i presunti giri illeciti dei Bianchi, con tanto di tenore di vita da nababbi a dispetto del reddito di cittadinanza chiesto e ottenuto dal padre Ruggero: reddito percepito 'indebitamente' secondo la Guardia di Finanza di Colleferro che ha inviato all'Inps una segnalazione per la revoca e una denuncia per reati fiscali. La cifra che ora la famiglia Bianchi e quelle di Pincarelli e Belleggia, ammonta a poco meno di 29mila euro: nelle autocertificazioni, avrebbero infatti omesso di indicare alcuni dati, 
«creandosi in tal modo le condizioni per accedere al beneficio».

LEGGI ANCHE: Willy, i fratelli Bianchi e Pincarelli chiedono l'isolamento in carcere: «Hanno paura di ritorsioni»



STILE CASAMONICA Da un paio d'anni gli investigatori puntavano la famiglia Bianchi: picchiatori e protagonisti di risse già da giovanissimi. Altri giovani, massacrati di botte, avevano passato ciò che ha passato Willy, morto per i calci e i pugni: un copione, scrive Il Messaggero, che si era ripetuto almeno altre tre o quattro volte. Un 25enne di Lanuvio ad esempio, picchiato anche con un tirapugni e finito in ospedale con un mese di prognosi. Un romeno, pestato a sangue e abbandonato con la mandibola fracassata, traumi cranici e più contusioni, con una prognosi gravissima, di due mesi: poteva morire anche lui. E ancora, una rissa tra italiani, romeni e albanesi davanti a una discoteca a Velletri.


Nel maggio del 2018 arriva anche una denuncia per droga per Marco Bianchi, e il sospetto è che i fratelli si siano inseriti nel traffico di stupefacenti. E il loro stile, scrive Il Messaggero, imita i Casamonica: mesi fa, dopo aver commissionato a un meccanico delle modifiche al loro Suv, prima pagano, poi si presentano da lui chiedendo i soldi indietro. «Non siamo soddisfatti», minacciano, e lui spaventato restituisce tutto. Nel mentre la famiglia tira su una villa con telecamere, palme e statue di leoni, in stile Casamonica appunto, e - emerge adesso - incassa anche il reddito di cittadinanza. Ma di arresti, nemmeno l'ombra: per quelli, è dovuta arrivare la morte di Willy.

Ultimo aggiornamento: 11:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA