Vaccinazioni in Italia, verso quota 10 milioni. Figliuolo: «Italiani immuni a settembre»

Mercoledì 31 Marzo 2021 di Simone Pierini
Vaccinazioni in Italia, verso quota 10 milioni. Figliuolo: «Italiani immuni a settembre»

Entro questa sera l'Italia potrebbe tagliare, o quantomeno rasentare, il traguardo delle dieci milioni di iniezioni di vaccino. Oltre tre milioni di cittadini hanno già ricevuto la doppia dose e poco meno di quattro milioni attendono la seconda. È il bilancio di questo primo trimestre che si sta concludendo tra gli affanni di alcune regioni, le polemiche sulle categorie e le fasce d'età da immunizzare per prime e gli impegni sulle consegne non rispettati da AstraZeneca, che ora cambia anche nome: il vaccino anglo-svedese si chiamerà Vaxzevria, e nel bugiardino saranno citati i casi di trombosi rara che ha colpito alcuni soggetti in tutta Europa con esiti mortali.

 


La campagna vaccinale italiana accelera, con l'obiettivo di «conseguire la vaccinazione dell'80% della popolazione entro il 30 settembre, dando subito priorità alle persone più vulnerabili»: lo ha detto ieri il commissario straordinario all'emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo, davanti alle commissioni riunite Affari sociali di Camera e Senato. Il generale ha annunciando anche la consegna «entro questo weekend di ulteriori tre milioni di dosi». Il target a partire da aprile è raggiungere - e possibilmente superare - il target delle 500mila somministrazioni al giorno. «Le previsioni sulle forniture di vaccini per il mese di aprile confermano il trend attualmente in crescita, con oltre 8 milioni di dosi in arrivo, 400mila delle quali del tipo Johnson&Johnson». Quest'ultimo un vaccino chiave per la sua caratteristica che lo contraddistingue dagli altri prodotti: per ottenere l'immunità basta una sola dose.

 


Un altro punto fondamentale è il personale: «Puntiamo ad incrementare la platea dei vaccinatori - ha detto il commissario - dando impulso agli accordi con i medici di medicina generale, studi privati, specializzandi, federazione medico sportiva italiana, pediatri e medici ambulatoriali, assunzione di medici a chiamata, odontoiatri, farmacisti». Nessuna deroga però sul criterio di scelta delle categorie: «Se allarghiamo alla grande e piccola distribuzione, ai postini, agli operatori ecologici allora che succede con i fragili, gli over 80?» si chiede Figliuolo.

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA