Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sigaretta elettronica e covid, chi la usa ha più sintomi: cosa succede a chi “svapa”

Covid, chi usa la sigaretta elettronica ha più sintomi: cosa succede a chi svapa
Covid, chi usa la sigaretta elettronica ha più sintomi: cosa succede a chi svapa
3 Minuti di Lettura
Venerdì 14 Gennaio 2022, 16:35

Chi fuma sigarette elettroniche, e risulta positivo al Covid, ha più sintomi. Lo rileva uno studio della Mayo Clinic, pubblicato sul Journal of Primary Care & Community Health. La ricerca evidenzia che chi 'svapa', utilizza cioè la e-cig, e risulta positivo al Covid-19 ha una maggiore frequenza di sintomi come mal di testa, dolori muscolari, dolore toracico, nausea e vomito, diarrea e perdita dell'olfatto o del gusto. Coloro che alla sigaretta elettronica aggiungono anche il fumo di tabacco lamentano respiro affannoso e registrano visite al Pronto Soccorso più frequenti.

 Sigaretta elettronica-covid: lo studio

«Lo studio - afferma il primo autore, David McFadden - è stato progettato per confrontare la frequenza dei sintomi comuni di Covid-19 come perdita del gusto o dell'olfatto, mal di testa, dolori muscolari e costrizione toracica in coloro che utilizzavano la sigaretta elettronica e in chi invece non aveva questa abitudine. Abbiamo intervistato più di 280 fumatori di e-cig positivi al Covid e li abbiamo confrontati con 1.445 persone della stessa età e sesso, che non 'svapavanò. Tutti questi sintomi comuni di Covid sono stati segnalati più frequentemente nel primo gruppo». I partecipanti allo studio avevano almeno 18 anni e sono risultati positivi al test Covid tra il 1 marzo 2020 e il 28 febbraio 2021.

Un'ipotesi è che l'aumentata infiammazione del tessuto polmonare promossa dall'infezione da Covid e quella indotta dallo 'svapò possano peggiorare la probabilità di infiammazione sistemica, con un aumento associato di sintomi come febbre, mialgie, affaticamento e mal di testa. «Durante una pandemia con un agente patogeno respiratorio altamente trasmissibile come SARS-CoV-2 -conclude Robert Vassallo, co-autore dello studio- è altamente consigliabile diminuire o interrompere l'uso di sigarette elettroniche per ridurre al minimo il potenziale di aumento dei sintomi e di eventuali danni polmonari».

© RIPRODUZIONE RISERVATA