Incendio in casa: Maria Pia Merletti salva il marito e la figlia disabile, ma poi muore in casa tra le fiamme

Maria Pia Merletti, salva il marito e la figlia disabile: poi muore in casa tra le fiamme
Maria Pia Merletti, salva il marito e la figlia disabile: poi muore in casa tra le fiamme
di Tito Di Persio
4 Minuti di Lettura
Sabato 11 Giugno 2022, 08:48

ISOLA DEL GRAN SASSO - Anziana muore nell'incendio della sua casa in Abruzzo cercando di salvare la figlia e, dopo aver messo il marito al sicuro dalle fiamme. Intossicati e ricoverati i familiari. La vittima è Maria Pia Merletti di 81 anni. La tragedia si è consumata in un appartamento al primo piano di via San Gabriele, non lontano dal santuario, ad Isola del Gran Sasso. Sulla vicenda la procura di Teramo ha aperto un fascicolo. Le fiamme, stando a quanto si apprende dalle forze dell'ordine che hanno fatto i primi rilievi, hanno avuto origine dal tinello, molto probabilmente a causa di un corto circuito. Poi il fuoco è subito divampato con vigore creando una grande quantità di fumo, perché sia le pareti che il soffitto erano rivestiti in legno.

I tre al momento in cui si è accesso l'innesco dormivano. Ad allertare i soccorsi e cercare di portare il primo aiuto il nipote che vive in un'abitazione a fianco. L'uomo si sarebbe svegliato a causa di alcuni rumori e un'esplosione, molto probabilmente di qualche elettrodomestico. Si è subito recato a casa dei parenti, e dal momento che non poteva entrare si è messo ad urlare il nome della zia. L'anziana si è subito svegliata facendo uscire il marito A.B., 85enne con delle invalidità legate all'anzianità, sul balcone dalla porta finestra della camera. Poi, si è avventurata nel corridoi, per chiamare la figlia di 47 anni nella sua camera e anche lei con alcuni problemi. Ma non ce l'ha fatta ed è svenuta a causa del fumo che ha respirato. Mentre la 47enne è riuscita ad uscire autonomamente anche lei sul balcone della cameretta.


L'intervento dei vigili del fuoco è stato celere perché si trovano a pochi chilometri di distanza per un intervento in località di Ornano. Appena giunti sul posto hanno raggiunto l'appartamento percorrendo la scala esterna, dove hanno incontrato l'anziano di 85 anni e la figlia. Una volta all'interno dell'alloggio hanno individuato il corpo dell'anziana riverso sul pavimento del corridoio. La donna è stata portata rapidamente fuori dalla casa dove il personale sanitario ha provveduto ad eseguire le manovre di rianimazione, senza esito, pertanto non hanno potuto far altro che constatare la morte. I pompieri successivamente hanno provveduto ad estinguere completamente le fiamme e arieggiare i locali, mettendo in sicurezza gli impianti danneggiati dal calore sviluppato dall'incendio.

L'anziano e la figlia, che hanno respirato del fumo prima di uscire dall'appartamento, sono stati soccorsi dal personale sanitario e trasportati con le ambulanze all'ospedale Mazzini di Teramo per gli accertamenti del caso. Poi sono stati ricoverati e al momento sono sotto osservazione. Le loro condizioni non sono state ritenute gravi. Il pm di turno Francesca Zani ha disposto il trasferimento del corpo dell'81enne all'obitorio del Mazzini per l'ispezione cadaverica. Accertato che sul corpo non sono state trovate ferite, per cui la causa della morte sarebbe da ricondurre ad asfissia per i fumi sprigionati dall'incendio, ha firmato l'autorizzazione alla restituzione della salma alla famiglia per la sepoltura. Comunque è stato aperto un fascicolo contro ignoti per cercare di capire da dove è scaturito l'incendio e le condizioni dell'impianto elettrico. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA