Riaperture di Natale, orari prolungati per i negozi. Bar e ristoranti anche di sera

Lunedì 23 Novembre 2020 di Alessandra Severini
Riaperture di Natale, orari prolungati per i negozi. Bar e ristoranti anche di sera

Che Natale sarà quello 2020, il primo nell'era del Covid? A chiederselo sono in tanti: famiglie, imprese, commercianti. Una risposta certa si avrà solo il 3 dicembre, quando scade l'ultimo Decreto del presidente del Consiglio e il governo fisserà le nuove disposizioni per arginare la pandemia.

 

 

Tutto dipenderà dall'andamento della curva epidemica che ad oggi mostra i primi segni di rallentamento. Di sicuro sarà «un Natale più sobrio», per usare le parole del premier Conte. Escluse feste e veglioni di capodanno, anche in piazza, in forte dubbio la possibilità di spostarsi fra regioni. Su questo punto la decisione sarà presa solo ai primi di dicembre. La speranza di governo e regioni è che da qui al 3 dicembre la maggior parte delle regioni in zona rossa o arancione possano vedere migliorata la propria situazione a diventare gialle. Non è escluso inoltre che le zone rosse vengano ristrette a singole province o aree.


Per favorire lo shopping per gli acquisti di Natale sarà permesso ai negozi di restare aperti fino alle 22 e ai centri commerciali di restare aperti nei fine settimana, con ingressi contingentati. Possibili restrizioni nei luoghi e nelle piazze più affollate delle grandi città. Apertura serale anche per ristoranti e pub, con un massimo di 4 persone al tavolo.

 

Ma il coprifuoco dovrebbe rimanere fissato alle 22 o, al massimo, alle 23 (ad esclusione forse della sera del 24 e di quella dei 31 dove si potrebbe arrivare fino all'una di notte).

 

Per il cenone in famiglia il governo non potrà imporre divieti. La raccomandazione sarà di festeggiare in gruppi ristretti, possibilmente con conviventi e parenti di primo grado. Nessuna novità in vista invece per le scuole che rimarranno chiuse almeno fino al 7 gennaio. Per i licei e gli istituti superiori rimarrà dunque la didattica a distanza, chiuse anche le università. È probabile che anche le piste da sci resteranno chiuse.


La linea del governo si mantiene comunque estremamente prudente. Si vuole evitare di inviare messaggi troppo rassicuranti per non ritrovarsi a fare i conti, come già accaduto in estate, con le conseguenze devastanti di un nuovo liberi tutti.
riproduzione riservata ®

Ultimo aggiornamento: 10:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento