Lo stabilimento compie 40 anni di attività e Barilla annuncia un nuovo investimento nelle Marche

Lo stabilimento Barilla di Ascoli
Lo stabilimento Barilla di Ascoli
di Cristiano Pietropaolo
2 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 11:35 - Ultimo aggiornamento: 15:31

ASCOLI - Lo stabilimento Barilla di Campolungo di Ascoli Piceno, dove vengono sfornati tanti prodotti, simbolo della colazione e della merenda degli italiani compie 40 anni di permanenza. È proprio qui che, nel 1982, sono nate le prime merendine a base di pasta frolla - le Crostatine Mulino Bianco - a cui si sono poi aggiunti il Pan Carrè, le Sfoglie, le Colate ed infine i Biscotti. Nato nel 1982, è stato il primo stabilimento in Italia dove Barilla ha delocalizzato al di fuori del comprensorio di Parma la produzione di pani, biscotti&co.

Per festeggiare i suoi primi 40 anni, la famiglia Barilla ha annunciato un importante investimento per produrre una nuova merenda che va ad aggiungersi alle 31 tipologie di prodotti da forno attualmente lavorati: le Tartelle Cuor di Mela Mulino Bianco. In produzione a partire da giugno, la nuova tortina con frolla, pan di spagna e confettura di mele 100% italiane andrà ad arricchire la gamma dedicata alla prima colazione. I numeri dello stabilimento di Ascoli Piceno sono incredibili e rendono l’idea di quanto sia strategico per il Gruppo Barilla: qui ogni giorno vengono sfornati più di 230 mila pani, oltre 3 milioni . Ad Ascoli avorano circa 200 persone. È in atto nel sito produttivo di Ascoli Piceno un graduale “passaggio di consegne” tra le persone che hanno dedicato la loro intera vita professionale allo stabilimento e i più giovani, con una crescente percentuale di personale femminile, che è stato progressivamente e stabilmente inserito

© RIPRODUZIONE RISERVATA