Un sistema informatico per scoprire i furbetti che non pagano rette degli asili nido, trasporti e mense scolastiche

Un sistema informatico per scoprire i furbetti che non pagano rette degli asili nido, trasporti e mense scolastiche
di Luca Marcolini
4 Minuti di Lettura
Domenica 19 Giugno 2022, 06:00

ASCOLI - Un nuovo sistema digitale per l’iscrizione ai servizi scolastici, in vista del prossimo anno di attività didattica, per agevolare le procedure e, al tempo stesso, debellare una volta per tutte il fenomeno dei mancati pagamenti da parte di numerose famiglie, anche senza problemi economici, emerso purtroppo in passato. Fino ad arrivare a somme importanti da recuperare da parte dell’Arengo. 

 
La piattaforma
La scelta dell’Amministrazione comunale, in questo senso, si è concretizzata ora nell’attivazione della specifica piattaforma “Planet School” che serve proprio a rendere più efficiente la gestione di servizi da erogare come mense scolastiche, trasporto scolastico e rette degli asili nido, risolvendo una volta per tutte il problema delle riscossioni che, in passato, ha creato, come detto, diversi problemi all’ente comunale proprio per il recupero di somme diventate nel tempo anche piuttosto consistenti. Con il nuovo sistema che l’Arengo ha deciso di adottare, con specifica determinazione, si va ora nella direzione di un adeguamento del processo di digitalizzazione dell’attività amministrativa attraverso un software gestionale specifico. In questo modo, il sistema delle iscrizioni ai servizi scolastici, ovvero mense, trasporto e rette degli asili nido, prevede solo la procedura online, con un duplice scopo: agevolare la riduzione del flusso di utenza negli uffici, con conseguente risparmio di tempo e risorse dedicati, e al tempo stesso incentivare l’utenza al pagamento delle rette e delle tariffe spettanti prevedendo un blocco automatico delle domande in presenza di un debito da saldare. 


I debiti
In altre parole, chi ha un debito pregresso non potrà usufruire del servizio finché non si sarà messo in regola. Considerando che, chiaramente, le tariffe sono azzerate per chi ha un reddito sotto una certa soglia e sono graduate proprio in base alla situazione economica delle famiglie (misurata attraverso l’Isee). In tale direzione, il portale Planet School è stato adeguato per poter rendere possibile l’effettuazione dei pagamenti per via digitale da parte degli utenti dei servizi mensa, trasporto e rette asili nido. Ed ora, approfittando dell’obbligo di pagamento verso enti pubblici tramite PagoPa, l’Amministrazione comunale punta su questa modalità con tanto di registrazione dei nominativi per poter controllare puntualmente e in maniera costante i flussi dei pagamenti da parte delle famiglie.


Il recupero dei crediti
Il nuovo sistema, di fatto, consentirà all’Arengo di monitorare con maggiore attenzione il flusso dei pagamenti evitando che qualche furbetto, come accaduto spesso in passato, possa approfittarne e continuare a fruire dei servizi per i figli senza pagare. O, comunque, facendo accumulare somme arretrate consistenti. Basti pensare che solo poco più di cinque anni fa, ovvero nel 2016, il conto dei mancati pagamenti da parte della famiglie era arrivato addirittura alla somma di 106mila euro da recuperare. Poi, dal 2018, gradualmente, era iniziata la costante fase di recupero, fino a ridurre notevolmente il debito dei nuclei familiari. Proprio in relazione ai crediti arretrati relativi ai buoni mensa per il servizio ristorazione nelle varie strutture scolastiche comunali, l’Arengo inoltre aveva definito nel 2020 un ulteriore piano di recupero dei crediti complessivo per incassare, da tutte le famiglie ancora in situazioni di debito per le mense scolastiche, una somma di circa 30mila euro entro tre anni. 


I pagamenti
E comunque, per evitare il rischio che il fenomeno del mancato pagamento delle spettanze per i servizi scolastici, con debiti che potrebbero anche nel tempo diventare importanti, possa comunque tornare a riemergere, adesso si è arrivati alla soluzione tecnologica che non concede alternative sul fronte dei versamenti delle somme dovute. Una scelta dell’amministrazione comunale che si impernia anche sulla volontà di garantire equità e giustizia nei confronti delle tante famiglie che hanno sempre pagato in maniera regolare le spettanze per i servizi scolastici senza batter ciglio. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA