Mancano i vaccini AstraZeneca, slittano le vaccinazioni, ecco quando potranno essere recuperate

Un punto vaccinale
Un punto vaccinale
di Luigi Miozzi
4 Minuti di Lettura
Domenica 30 Maggio 2021, 03:05 - Ultimo aggiornamento: 5 Giugno, 22:31

ASCOLI - Rischia un rinvio di almeno 48 ore la somministrazione della seconda dose di vaccino agli agenti della polizia di Stato e della polizia penitenziaria. Lo slittamento è dovuto alla mancata consegna, la scorsa settimana, da parte di AstraZeneca delle dosi previste e pertanto il rischio è che l’Area vasta 5 possa rimanerne sprovvista nei prossimi giorni.

Purtroppo, non è la prima volta che l’azienda produttrice di uno dei vaccini che vengono somministrati nei punti vaccinali e che era stato usato in un primo momento per gran parte delle forze dell’ordine, non rispetti il piano di consegna delle fiale creando qualche problema. 


Le dosi attualmente disponibili, pertanto, vengono utilizzate solamente per coprire i richiami ma, nonostante ciò, potrebbero terminare. Per questo motivo la direttrice del distretto sanitario, Giovanna Picciotti, ha scritto ai referenti di polizia e Penitenziaria per comunicare il disguido, certamente non dipendente dall’Asur, e il probabile slittamento dei richiami al prossimo 4 giugno così da poter contare sul nuovo rifornimento garantito da AstraZeneca. Non ci sono invece problemi di disponibilità per quanto riguarda tutti gli altri vaccini. A cominciare da quello prodotto dalla Pfizer di cui si attende la maxi fornitura annunciata dal commissario straordinario, il generale Francesco Paolo Figliuolo. E proprio in virtù di questa commessa importante data in consegna a stretto giro che lo stesso generale Figliuolo ha dato il via libera alle vaccinazioni nelle aziende che ora potranno organizzarsi per poter effettuare le somministrazioni ai propri dipendenti. 


Anche le associazioni di categorie si stanno organizzando, così come gli ordini professionali, commercialisti e avvocati in primis, che già un paio di mesi fa avevano avuto un incontro con il governatore Acquaroli e avevano gettato le basi per una convenzione per garantire la forniture dei vaccini necessari. Confcommercio, Cna, Confindistria e Confartigianato hanno invece sottoscritto un accordo strategico con il gruppo Kos, ovvero l’azienda che possiede sul territorio marchigiano un gran numero di strutture, a cominciare dai centri riabilitativi Santo Stefano, in grado di coprire capillarmente tutto il territorio. Inoltre, lo stesso gruppo avrebbe anche stretto accordi con alcune strutture private per accrescere il numero di punti vaccinali e rendere ancor più spedita la somministrazione delle dosi.

Va tenuto conto, comunque, che con il cambio di passo effettuato negli ultimi mesi e la decisa accelerazione avvenuta l’apertura delle prenotazioni anche ai più giovani, il numero dei lavoratori che all’interno delle aziende o nelle attività commerciali oppure tra i liberi professionisti che ancora non hanno avuto la possibilità di ricevere la dose del siero è molto basso ma comunque consentirà di arrivare ancor più rapidamente ad una percentuale più alta di cittadini vaccinati. Ma il nodo cruciale affichè ciò accada è che ci sia la disponibilità dei vaccini. 


La speranza è che i produttori, a cominciare dalla Pfizer, rispettino gli accordi e l’arrivo nelle Marche delle dosi previste così da poter rifornire con continuità la macchina organizzativa per la somministrazione che può contare su quella già rodata e dimostratasi efficiente predisposta dall’Asur e di quella predisposta dalle associazioni di categoria e dagli ordini professionali che è pronta ad entrare in funzione non appena ce ne sarà bisogno. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA