Senigallia, ferma l'auto, scende
e collassa: «Troppo ubriaco per guidare»

Venerdì 23 Agosto 2019 di Bianca Vichi

SENIGALLIA - Ubriaco, parcheggia ed esce dalla macchina ma collassa in mezzo alla strada. È stato notato da un residente nella notte tra mercoledì e giovedì sul lungomare di Marzocca. Erano le 3 quando l’uomo ha chiamato il 118 descrivendo la scena che si presentava ai suoi occhi.

Curve del monte a tutto gas, una task force anche di notte

L’ambulanza è partita e quando è arrivata a Marzocca ha trovato un giovane sdraiato sul muretto del marciapiede. È stato lui stesso a raccontare, in maniera molto difficoltosa, quanto era accaduto: «Sono troppo ubriaco per tornare a casa», ha farfugliato.
 
Il barlume di buon senso gli ha però consigliato di non continuare a guidare, arrivato a Marzocca, infatti, ha fatto in tempo a fermare l’auto e a parcheggiare . È sceso ed in un primo momento è collassato a terra poi però, si è ripreso ed ha raggiunto il muretto. Per fortuna il traffico a quell’ora era davvero scarso altrimenti avrebbe rischiato di essere investito. Ha rifiutato il ricovero ed ha chiamato un amico per farsi venire a prendere, non essendo nelle condizioni di guidare. Gli operatori del 118, dopo essersi sincerati del fatto che l’amico l’avrebbe portato via e che non si rimettesse lui alla guida, sono rientrati in ospedale. Pur essendosi messo al volante dopo aver bevuto troppo, il giovane ha avuto almeno il buon senso, rendendosi conto di non essere in grado di guidare, di fermarsi e chiedere aiuto. Appena le forze gliel’hanno consentito ha chiamato l’amico. Una telefonata però era partita prima della sua, da parte di un residente che si era svegliato nel cuore della notte e lo aveva visto steso immobile sulla strada.
L’ordinanza
A proposito di ubriachi ieri è stata affissa all’albo pretorio un’ordinanza di ingiunzione a carico di 49enne tunisino, sanzionato per ubriachezza molesta il 30 aprile 2018 dai carabinieri in via dei Gerani alle Saline. Non avendo ancora provveduto al pagamento, la Prefettura ha emesso l’ordinanza applicando il doppio del minimo, ossia 102 euro, che il 49enne dovrà pagare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA