Bimbo di 3 anni e la mamma positivi. Altro aumento di studenti contagiati

Bimbo di 3 anni e la mamma positivi. Altro aumento di studenti contagiati
Bimbo di 3 anni e la mamma positivi. Altro aumento di studenti contagiati
di Sabrina Marinelli
3 Minuti di Lettura
Sabato 27 Novembre 2021, 10:52

SENIGALLIA  - Un bambino di 3 anni è arrivato ieri al Pronto Soccorso insieme alla madre, entrambi positivi. Era tra i bimbi in quarantena alla materna di Marzocca della settimana scorsa. Provvedimento adottato giovedì sera anche per una quinta elementare sempre di Marzocca per 5 positivi, di cui uno solo confermato dal molecolare ancora. Il bambino di 3 anni è in osservazione, non è grave ma aveva una forte tosse che non riusciva a placarsi.

Le scuole in questo momento rappresentato il maggior problema dal punto di vista del contagio e, proprio per aumentare l’attività dei tamponi, ieri ha aperto un centro drive through nell’antistadio del Bianchelli. «Tutto si sta svolgendo secondo i piani – spiega Alessandro Marini, direttore del Distretto sanitario di Senigallia – è la prima attivazione nelle Marche che servirà anche per testare il sistema. In mattinata sono stati eseguiti 41 tamponi per tre classi tra primarie, medie e superiori. Risultati tutti negativi». Nel pomeriggio sono state convocate anche altre classi che stamattina avranno il risultato.

Nel frattempo sono dieci le classi in quarantena ma soprattutto sono aumentati gli studenti positivi in tutto il Distretto in otto giorni, passando da 41 a 74. I Comuni dell’interno più colpiti sono Trecastelli con 5 positivi e 57 quarantene e Arcevia con 10 positivi e 15 in quarantena ma si tratta qui di ragazzi che studiano in altre città. Un successo il camper vaccinale a Trecastelli giovedì e ieri ad Ostra Vetere, con una grande affluenza. Oggi sarà la volta di Ostra mentre lunedì toccherà a Barbara, dove la percentuale dei vaccinati non ha raggiunto l’80%.

«Senza tanti ragionamenti e dottorandi in Facebook – l’appello del sindaco Riccardo Pasqualini nella pagina istituzionale del Comune di Barbara - l’unico mezzo per evitare di essere contagiati ma soprattutto rischiare di stare seriamente male e ritrovarci con ospedali saturi, ritrovarci in semi o totale lockdown, con danni di tutti i generi a tutta la collettività, è vaccinarsi. Il tampone non serve a niente, perché fa solo una fotografia del momento in cui si fa. Quindi ben venga il Green pass con più restrizioni per chi non è vaccinato. Cercate di approfittare della presenza del camper a Barbara lunedì dalle 15 alle 19».

© RIPRODUZIONE RISERVATA