Il super Green pass rovina la festa per Gimbo Tamberi: cerimonia solo su inviti, ma diretta su Facebook

Il super Green pass rovina la festa per Gimbo Tamberi: cerimonia solo su inviti, ma diretta su Facebook
Il super Green pass rovina la festa per Gimbo Tamberi: cerimonia solo su inviti, ma diretta su Facebook
di Giacomo Quattrini
3 Minuti di Lettura
Martedì 7 Dicembre 2021, 07:05

OSIMO - Doveva essere una grande festa come quella di Offagna, con tanta gente ad accoglierlo e ad applaudirlo. Ma considerando l’arrivo delle nuove normative per gli eventi al chiuso legate al super Green pass, il Comune di Osimo ha dovuto ridurre l’accesso oggi per la premiazione a Gianmarco Tamberi.

Il campione olimpico ha iniziato la sua carriera da saltista alla Vescovara con l’Atletica Osimo e per questo il sindaco Simone Pugnaloni oggi alle 18.30 gli conferirà la cittadinanza onoraria. Avrebbe voluto farlo con una festa aperta al pubblico, ma per evitare grattacapi con il sopraggiunto Green Pass rafforzato, si è deciso di trasformare l’evento in cerimonia, con ingressi contingentati e ad invito, in modo da rendere obbligatorio il solo Green pass standard. L’ha precisato anche sui social ieri il sindaco, spiegando che «la cerimonia è aperta solo ad autorità civili e militari e all’Atletica Osimo. La cittadinanza potrà comunque seguire la cerimonia sulla pagina Facebook del Comune di Osimo». Proprio per evitare assembramenti durante il weekend il commissariato ha svolto controlli congiunti con carabinieri e polizia locale nel centro storico di Osimo e nel capolinea degli autobus, al Maxiparcheggio. Il servizio straordinario voluto dalla Questura e coordinato dal commissario Stefano Bortone, è servito a monitorare i fenomeni legati alle baby gang ed evitare assembramenti serali. Sono stati sottoposti a controllo gli autobus provenienti da Castelfidardo e Filottrano sui quali viaggiano di solito i ragazzi terribili che si sono resi protagonisti negli ultimi mesi di episodi di degrado e vandalismo in città. Avviati contatti con gli autisti dei bus e con i titolari di bar e ristoranti per sollecitarli a segnalare in tempo reale eventuali disagi, anche connessi al nuovo Super Green Pass. Sotto i riflettori pure mercato coperto, giardini di piazza Nuova e altri parchi ma alla fine le forze di polizia non hanno dovuto elevare sanzioni né formalizzare denunce, ma sono stati comunque identificati un centinaio di giovani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA