Greta Beccaglia palpeggiata, la compagna di Andrea Serrani: «Non è un molestatore ma un simpatico burlone»

Giovedì 2 Dicembre 2021
Greta Beccaglia palpeggiata, la compagna di Andrea Serrani: «Non è un molestatore ma un simpatico burlone»

CHIARAVALLE - «Un simpatico burlone», con queste parole Natascia Bigelli, compagna di Andrea Serrani, il tifoso che ha palpeggiato in diretta la giornalista Greta Beccaglia, definisce il suo uomo in un'intervista ripresa da Leggo.it. La donna commossa difende Serrani, suo compagno di vita e padre della figlia, e spiega che nella realtà è una persona molto diversa da quella mostrata in video e descritta in questi ultimi giorni. 

LEGGI ANCHE

Greta, la giornalista palpeggiata: «Non voglio incontrarlo». Punito il tifoso, dovrà restare lontano dagli stadi per 3 anni

LEGGI ANCHE

Andrea, 45 anni, ristoratore, palpeggiatore in diretta tv: «Mi scuso con Greta e le donne ma non merito questa gogna. Lo sputo? Un colpo di tosse»

«Andry è un grand'uomo, un papà speciale, un amico di tutti». prosegue sempre la donna. «È dolce ed è un coccolone rispettoso, sempre presente nelle difficoltà di chi ha vicino». La bufera mediatica che lo ha travolto ha sconvolto la vita di tutta la famiglia, spiega: «Ci facciamo forza a vicenda per quello che ci sta capitando. Siamo su tutte le TV e i giornali. Andrea sia nella vita privata che fuori con le persone che lo conoscono da sempre è disponibile a dare una mano quando qualcuno ne ha bisogno. Lui è sempre pronto a difendere gli altri come ben sanno gli amici che gli vogliono bene. Lui riesce a farti sorridere nei momenti bui. È un uomo molto presente e con un cuore enorme».

 

Un'opinione molto diversa da quella che si è fatta la giornalista molestata in diretta senza nessuna vergogna da parte del tifoso. A tal riguardo la compagna di Andrea Serrani afferma: «Che quella cosa non si fa lo sappiamo. Ma far passare Andrea da maniaco e violentatore è un fatto che ammazza l’anima». A sostegno del tifoso sono intervenuti anche altri concittadini che si sono uniti in un gruppo Facebook "Le amiche e gli amici di Andrea". Circa 750 persone che affermano: «Noi che conosciamo veramente Andrea, possiamo dire che è stato superficiale ma non certo un mostro. Ha agito di impulso, inconsapevole di ciò che avrebbe provocato ma sicuramente non con l’intento di offendere, umiliare o violentare una donna. Noi siamo qui per dare voce ad un uomo che ha sbagliato ma che è pronto a chiedere scusa, a pagare per quel che ha fatto ma che merita di riappropriarsi della sua vita e della sua dignità di uomo, padre e lavoratore».

 

Della stessa idea è il legale di Serrani che condanna l'odio e le offese rivolte al suo assistito dopo la denuncia fatta dalla giornalista da parte del web. Intanto per lui come primo provvedimento è stata disposta la Daspo per tre anni dallo stadio, mentre per quanto riguarda l'accusa di molestie si deciderà nei prossimi giorni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche