Corinaldo, per i trent’anni del “Grandi”
il convegno e tutti i ragazzi premiati

Riconoscimenti ai ragazzi
e convegno a Corinaldo
per il premio "Gen. Grandi"
CORINALDO - Un fine settimana passato a celebrare i trent’anni del premio di merito scolastico “Gen. Domenico Grandi”, tra un sabato di premiazioni e l'opera a teatro “Livietta e Tracollo” di G. B.Pergolesi” e una domenica con il convegno studi “1917: Caporetto e Peschiera”. La manifestazione, che annualmente premia gli alunni della scuola secondaria di primo grado e degli istituti superiori con il miglior profitto scolastico, è stata tra le protagoniste nell’ambito delle celebrazioni del V centenario dell’assedio del 1517 alla Città di Corinaldo.
 
Sabato 23 settembre, in occasione delle premiazioni, nella sala “Ciani” del Comune, presenti i padroni di casa il sindaco Matteo Principi e il presidente del Centro Studi “Gen. Domenico Grandi” Marco Grandi, l’assessore alla Cultura e alle Politiche Giovanili Giorgia Fabri, gli ex sindaci corinaldesi Fabio Ciceroni e Livio Scattolini, la delegata del gruppo consiliare di minoranza Tamara Colombaroni, il dirigente dell’istituto comprensivo di Corinaldo Francesco Savore, il professore Lucio Mancini e la dirigente Elena Giommetti.
 
«In questi trent’anni si sono succedute diverse Amministrazioni e tutte, indistintamente, hanno sostenuto questo riconoscimento, tutto ciò significa responsabilità e valorizzazione», il saluto del primo cittadino Matteo Principi. «Esiste poi un rapporto solido tra Amministrazione e mondo della scuola e il premio ai nostri studenti, in questo momento storico così delicato, è il più grande contributo che possiamo dare; che i ragazzi premiati possano essere esempi e punti di riferimento per tutti quelli della nostra comunità. Ringrazio la famiglia Grandi per sostenere questo progetto e tutte le attività culturali che si svolgono in questo Comune».
 
«Trent’anni di vita del Centro Studi “Gen. Domenico Grandi” e del suo premio di merito scolastico, la nostra soddisfazione maggiore- le parole del presidente Marco Grandi- 240 vincitori succedutisi nel tempo, molti dei quali hanno raggiunto grandi successi. Ringrazio il sindaco Principi e tutte le Amministrazioni che hanno dato continuità al premio, da Fabio Ciceroni a Erminio Giancamilli, Ilario Taus, Stefano Fabrizi, Luciano Antonietti, Livio Scattolini fino ad arrivare a Matteo Principi, questo significa andare al di là delle opinioni. Un ringraziamento doveroso agli insegnanti che contribuiscono alla preparazione e alla crescita di questi ragazzi».

«Famiglie: appoggiate la scuola, non delegateci solo tutti i problemi. Insegnanti: non abbiate paura del cambiamento», l’intervento del dirigente scolastico Francesco Savore.
 
Il saluto finale affidato al professore Fabio Ciceroni: «Quando il Centro Studi e il premio furono fondati, la situazione storica era diversa; la società di oggi è sì vivace e in movimento, ma è una società disorientata, chiassosa: quali sono gli antidoti per combattere la paura del futuro? Affidarsi al passato e cercare in lui gli elementi per rilanciarsi. Il premio “Domenico Grandi” è un premio di grande rilievo e si svolge da sempre in Comune, a sottolineare il rapporto tenacissimo in nome dell’educazione. Voi ragazzi siete i cittadini di oggi, il vostro lavoro è studiare, arrivare alla conoscenza, alla cultura. Imparate a interrogare voi stessi, a scoprire i vostri talenti, analizzandovi, con coraggio, con l’aiuto degli insegnanti e dei genitori».
 
I VINCITORI
Scuola secondaria di primo grado “Guido degli Sforza”.
Classe 1° media: terze classificate a pari merito Emma Aguzzi e Sofia Venanzi, seconda classificata Silvia Costantini; prima classificata Caterina Tarsi. Classe 2°media: terzo classificato Gianmarco Bruschi, seconde a pari merito Alice Berti e Alena Marasco Petromilli, prima classificata Aurora Anibaldi Ranco. Classe 3°media: premiati Letizia Tarsi, Giada Betti, Chiara Tinti, Alessia Costantini, Erika Mattioli, Greta Pierantonietti, Lucrezia Barbarossa, Rebecca Rosini, Edoardo Pierangeli. Vincitore Giovanni Bruni.

Scuola secondaria di secondo grado.
Classe 1°: terzi classificati a pari merito Tommaso Cini (istituto “E.F. Corinaldesi” di Senigallia), Alessandro Tarsi (istituto “Volterra- Elia” di Ancona); seconda classificata Maddalena Polenta (liceo “E.Medi” di Senigallia); prima classificata Viola Graziosi (istituto “G.Marconi” di Jesi). Classe 2°: terzi classificati a pari merito Giovanni Del Moro (istituto “Corinaldesi” di Senigallia), Angela Marcantoni (liceo “E.Medi” di Senigallia); secondo classificato Pietro Luzzi (istituto “Corinaldesi” di Senigallia); primi classificati a pari merito Alice Di Pietro ed Elia Rocchetti (liceo “E.Medi” di Senigallia). Classe 3°: terzo classificato Riccardo Serpicelli (liceo “E.Medi” di Senigallia), seconda classificata Chiara Grilli (liceo “E.Medi”), prima classificata Cecilia Tinti (istituto “Corinaldesi” di Senigallia). Classe 4°: terza classificata Martina Rocconi (liceo classico “G.Perticari” di Senigallia), secondo classificato Daniele Mezzanotte (istituto “Corinaldesi), primo classificato Federico Maria Galli (liceo classico “G.Perticari). Classe 5° (maturità): terza classificata Lorenza Tomassetti (liceo “E.Medi), seconda classificata Aurora Berti (liceo “E. Medi”), primo premio a pari merito Alessandro Barchiesi (liceo “E.Medi”) Matteo Mezzanotte (istituto “G.Marconi), Gianluca Serpicelli (istituto “Corinaldesi), Enrico Tarsi (istituto “G.Marconi” di Jesi). Primo premio con lode Alessandro Tarsi (istituto “G.Marconi” di Jesi).

Domenica 24 settembre, sempre nella sala comunale “A.Ciani”, il sindaco Matteo Principi, l’assessore alla cultura Giorgia Fabri e il presidente del Centro Studi “Gen. Domenico Grandi” avvocato Marco Grandi hanno presenziato al convegno studi “1917 Caporetto e Peschiera”. Sono intervenuti Stefano Fabrizi, giornalista, già sindaco di Corinaldo con “Ricordo del Generale Ennio Lenci”, il professore Massimo Mazzetti con “Caporetto”, l’ambasciatore Gabriele Checchia con “Peschiera”, il professore Fabio Mariano con “La fortificazione di Corinaldo”, il professore Roberto Bernacchia con “La guerra di Urbino del 1517”. L'evento culturale è stato organizzato nell’ambito delle celebrazioni del V centenario dell’assedio del 1517 alla Città di Corinaldo. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 25 Settembre 2017, 13:25 - Ultimo aggiornamento: 25-09-2017 13:25

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO