Laser negli occhi dell'autista, poi le botte ai poliziotti. La Conerobus: «Ci sono le telecamere, fermeremo i bulli»

Domenica 21 Novembre 2021 di Stefano Rispoli
La polizia indaga sugli ultimi atti di vandalismo sui bus

ANCONA - La verità è scritta nei filmati registrati dalle telecamere del pullman che copre la linea R Ancona-Recanati, uno dei più nuovi nella flotta della Conerobus. L’azienda li ha già consegnati alla polizia, impegnata nella ricerca della decina di ragazzi che venerdì pomeriggio hanno scatenato il caos a bordo del mezzo pubblico.

 

 

Alcuni di loro, saliti a Villa Musone in direzione del capoluogo, si sono messi a saltare sui sedili e a sputare contro i finestrini. Altri si sono divertiti a puntare un laser (ritrovato a terra) contro l’autista, facendo riflettere il fascio luminoso sugli specchietti retrovisori. Il conducente, pesantemente disturbato e insultato, dopo aver rischiato l’incidente e aver più volte rimproverato i giovani scatenati, con saggezza ha deciso di bloccare la corsa all’altezza della fermata del Pinocchio e attendere l’arrivo delle Volanti, in modo da tutelare l’incolumità della cinquantina di passeggeri a bordo. 


Per ora hanno pagato per tutti due bulli, portati in questura e denunciati. Italiani di seconda generazione, come si usa dire. Uno (appena maggiorenne) se ne stava seduto scomposto e non accennava ad alzarsi quando i poliziotti gli hanno chiesto i documenti, che non aveva con sé. Con fare arrogante, ha rifiutato di rivelare il suo nome. L’altro, un 16enne, ha combinato di peggio. Si è alzato di scatto e ha sferrato uno schiaffo a un agente che gli chiedeva di indossare la mascherina. Poi ha sferrato calci e pugni quando l’hanno ammanettato per portarlo in questura, sotto gli occhi di decine di passeggeri sotto choc. Il minorenne è stato denunciato per resistenza, ma potrebbe dover rispondere anche di interruzione di pubblico servizio se verrà accertato, analizzando i filmati, che era stato lui ad utilizzare il laser, abbandonato sotto un sedile. 


I bulli non danno tregua, nonostante il giro di vite annunciato da prefetto e questore e i controlli speciali attivati anche sui bus. «Abbiamo consegnato tutti i filmati - dice Muzio Papaveri, presidente di Conerobus -, la collaborazione con le forze dell’ordine è molto proficua: sui nostri mezzi girano agenti in borghese e spesso le linee più calde vengono seguite da nostri dipendenti in auto. Questi ragazzi, sempre i soliti noti, vandali seriali, devono capire che non possono fare ciò che vogliono: non lo permetteremo, li fermeremo». La linea R Ancona-Recanati è una delle più bersagliate, ma è lungo l’elenco degli episodi di vandalismo sui mezzi della Conerobus. Uno degli ultimi, ad agosto: un autista era stato aggredito in piazza Cavour per aver ripreso un paio di minorenni con l’hobby di lanciare sassate contro il bus. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA