Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Un milione per le scuole sicure, ai raggi X i 60 istituti della città. Ok della giunta: tre anni di manutenzioni straordinare

I lavori alla scuola De Amicis
I lavori alla scuola De Amicis
di Emanuele Coppari
3 Minuti di Lettura
Lunedì 8 Agosto 2022, 01:25

ANCONA - Un milione di euro da spendere in tre anni nei 60 edifici che ospitano le scuole di Ancona. Il 27 luglio scorso la giunta comunale ha deliberato la messa in sicurezza di immobili che sono per la maggior parte di vecchia costruzione e necessitano di interventi per ripristinare la piena funzionalità, il decoro, l’utlizzabilità e garantire il corretto svolgimento della didattica. A seguito di numerose segnalazioni e sopralluoghi svolti dai tecnici comunali, è emersa la necessità di intervenire con urgenza.

Tre lotti individuati dal Comune 

Dato il numero importante di edifìci scolastici e vista la possibilità di intervenire su più immobili contemporaneamente, l’amministrazione ha individuato 3 lotti in cui sono stati suddivisi materne, scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado del Comune di Ancona da assegnare mediante procedura di gara a 3 diversi operatori economici.

I lotti sono: Ancona Centro, Ancona Ovest e Ancona Nord. La previsione di spesa, nel triennio 2022-2023-2024, è di 340mila euro per tutti e 3 i lotti per ciascuna annualità, per un importo complessivo 1.020.000 di euro. Si tratterà prevalentemente di lavori edili, ma potranno essere richiesti anche interventi di tipo impiantistico. Gli interventi potranno riguardare sia l’interno che l’esterno dei fabbricati, compresa la sistemazione delle pertinenze (piazzali, cortili, marciapiedi) i lavori fognari, i lavori in quota e di ripristino del verde. Data l’impossibilità di stabilire con anticipo la tipologia di lavori da effettuare è presumibile che per determinate lavorazioni si preveda l’utilizzo di macchinari ed attrezzature specifiche e complesse per le quali sono richieste specifiche abilitazioni o, nel caso di mancate competenze dell’operatore economico, l’avvalersi della procedura di sub-appalto.

La mappa degli edifici

Gli immobili scolastici sono dislocati sull’intero territorio comunale, sia in centro storico che nelle periferie, nei quartieri residenziali e nei piccoli agglomerati urbani. L’accordo si pone l’obiettivo di eseguire tutte le opere necessarie per la manutenzione straordinaria degli edifici scolastici, per ripristinare situazioni di deterioramento e garantire una migliore utilizzabilità dell’immobile e le condizioni ottimali e di sicurezza per gli alunni. Pertanto, gli interventi che potranno essere richiesti, vanno dalla manutenzione straordinaria di facciate di fabbricati e di scale alla tinteggiatura di superfici, dalle opere di impermeabilizzazione alla sostituzione di gronde e pluviali, faldali, dal rifacimento di pavimenti alla manutenzione straordinaria e rifacimento di servizi igienici. Passando poi per il restyling di marciapiedi, piazzali e aree verdi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA