In fuga dalla guerra con la mamma, la nonna e la sorellina: bimba ucraina al Salesi per combattere la leucemia

In fuga dalla guerra con la mamma, la nonna e la sorellina: bimba ucraina al Salesi per combattere la leucemia
In fuga dalla guerra con la mamma, la nonna e la sorellina: bimba ucraina al Salesi per combattere la leucemia
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Aprile 2022, 10:04

ANCONA - In fuga dalla guerra con un volo umanitario. Ora troverà accoglienza e tutte le cure di cui ha bisogno al Salesi una bimba ucraina affetta da leucemia acuta, scappata dalla guerra insieme alla madre, alla nonna e alla sorellina. Sono arrivate in Italia ieri, grazie ad un volo organizzato alla Guardia di finanza.

Ucraina diretta, Zelensky rimuove due generali: «Sono traditori». Mosca: attacco ucraino a depositi di petrolio in territorio russo

 

Il trasferimento 

L’Atr 72 Grifo21 ha prelevato i profughi dalla Polonia ed è atterrato a Pescara: a bordo, oltre alla piccola con i suoi parenti, c’era anche un altro bambino ucraino affetto da una malattia, ora ricoverato all’ospedale di Pescara. Si tratta del quarto volo umanitario dalla Polonia, diretto dalla Protezione civile con la collaborazione dei medici di Ares 118 e l’assistenza delle Fiamme Gialle di Pescara. 
La bimba ucraina è stata accolta ieri sera all’ospedale pediatrico Salesi, dove verrà assistita dai medici per ricevere cure specialistiche per combattere la terribile malattia di cui soffre. Gli attacchi russi, infatti, non hanno risparmiato neppure gli ospedali: si calcola che dall’inizio della guerra siano morti 144 bambini e più di 220 sono quelli feriti in Ucraina, la maggior parte a Kiev. Una strage di bimbi, quasi cinque al giorno, che però ha risparmiato la piccola affetta da leucemia, ora in cura al Salesi. 

I dati 

Il flusso dei profughi si sta stabilizzando, anche se cresce di giorno in giorno il numero di ucraini accolti nella provincia di Ancona: secondo gli ultimi dati forniti dalla prefettura, sono 1.130, circa la metà (542) sono minorenni. Sono 106 gli ucraini ospitati presso i centri d’accoglienza gestiti dalla prefettura di Ancona. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA