Presentato a Fermo “Neve” di Riccioni con protagonista l’undicenne fermana Lo Pipero: «Il mio film anti bullismo»

Presentato a Fermo Neve di Riccioni con protagonista l undicenne fermana Lo Pipero: «Il mio film anti bullismo»
Presentato a Fermo “Neve” di Riccioni con protagonista l’undicenne fermana Lo Pipero: «Il mio film anti bullismo»
di Chiara Morini
3 Minuti di Lettura
Sabato 21 Ottobre 2023, 07:07 - Ultimo aggiornamento: 11:41

FERMO - Un film per parlare di bullismo e cyberbullismo, una pellicola per parlare di rapporti e relazioni, di amore tra madre e figlia. Nella mattinata di ieri, alla Provincia di Fermo, alla presenza di autorità e dirigenti scolastici, è stato presentato il film “Neve” prodotto e diretto da Simone Riccioni di Corridonia che nel film recita e nel cui cast c’è anche la giovanissima attrice fermana, 11 anni, Azzurra Lo Pipero.

 
Il progetto 


«Il film – ha spiegato Riccioni – nasce da un’esperienza che ho vissuto. A otto anni sono stato bullizzato, è una cosa che non si sceglie e che quando si supera, resta comunque una ferita». Dall’esperienza alle riprese, e alla presentazione, oltre ad autorità, Riccioni e Lo Pipero, c’era anche l’attrice Margherita Tiesi. «Lei – ha detto il regista – interpreta la mamma di Neve, il personaggio di Azzurra. Neve incontra Leo, il mio personaggio, perché è il suo maestro di recitazione». Il film, prima ancora uscire già piace per la sola sceneggiatura.

«Ha già avuto il patrocinio della Polizia di Stato – ha aggiunto Riccioni –. Per il tema trattato vogliamo entrare nelle case di tutti, perché il fenomeno si verifica fuori e dentro le scuole. E vogliamo parlare ai ragazzi perché secondo noi il messaggio arriva meglio: da un lato perché non è una semplice conferenza, ma un film è più consono al loro linguaggio, e poi noi attori, dopo le presentazioni, saremo a disposizione per parlarne». Al progetto hanno già aderito molti istituti scolastici di fuori regione. 


I ruoli 


Non ha parlato del suo personaggio, perché Riccioni vuole che sia il pubblico a scoprirlo.

Si è trattato invece del rapporto tra Neve e sua madre. «Simone mi ha chiamato – ha ricordato Tiesi che interpreta la madre – ho letto la sceneggiatura e dopo due ore ho accettato il ruolo, con commozione. Abbiamo lavorato sui meccanismi del bullismo e sulla sofferenza della bambina, di come si vive giorno dopo giorno questa esperienza. Noi ci abbiamo messo il cuore, speriamo il linguaggio arrivi bene». Il film ha anche un altro nome noto del panorama attoriale italiano, Simone Montedoro, a lungo il capitano Tommasi dei carabinieri nella fiction Don Matteo. Ma l’attenzione è tutta per Neve, o meglio per la giovanissima Azzurra Lo Pipero, un talento scoperto proprio da Riccioni.

«La sua scuola – ha detto Lo Pipero – mi ha aperto un mondo. Io ho cominciato con il teatro e ho visto che il cinema è diverso. Margherita (Tiesi) è venuta a casa mia, abbiamo iniziato a costruire una storia, una storia che piace, alla cui base c’è il forte legame madre-figlia dei nostri personaggi. La mamma di Neve la porta a un corso di recitazione per superare la crisi di bullismo, e Leo le aprirà un mondo nuovo. Pur se all’opposto di me, Neve mi ha dato molto». 


Alla presentazione del film, che uscirà nelle sale a marzo e la cui anteprima sarà fatta al Super 8 di Fermo, c’erano anche Andrea Agostini, presidente di Fondazione Marche Cultura, i consiglieri regionali Andrea Putzu e Renzo Marinelli, un rappresentante della Bcc sponsor, oltre alla consigliera provinciale all’istruzione Pisana Liberati, con la responsabile dell’Usr carmela palumbo che ha inviato un messaggio. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA