Morta per Covid, esposto della famiglia: «Si è contagiata nella struttura per anziani»

Morta per Covid, esposto della famiglia: «Si è contagiata nella struttura per anziani»
Morta per Covid, esposto della famiglia: «Si è contagiata nella struttura per anziani»
di Luigi Benelli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 1 Giugno 2022, 02:30

PESARO - Deceduta con il Covid, la famiglia si oppone all’archiviazione sulle responsabilità della casa di cura dove era ricoverata. Il caso riguarda una signora di 84 anni morta all’inizio del 2021 all’ospedale di Pesaro proveniente da una struttura per anziani. La famiglia della donna aveva fatto un esposto nel novembre 2021 rispetto a presunte condotte colpose omissive riconducibili all’operato della casa di cura, dove a giudizio del figlio avrebbe contratto il Covid.

Risarcimento

L’esposto trae origine dal fatto che la donna avrebbe avuto il tampone positivo determinato, a detta di chi ha fatto l’esposto, da “evidenti mancanze organizzative e rispetto dei protocolli di sicurezza”. Il figlio della anziana aveva chiesto un risarcimento danni alla struttura, che non lo ha corrisposto. Motivo per cui è partito l’esposto alla procura di Pesaro. Le indagini hanno scandagliato referti medici e clinici della paziente al cui esito la procura ha chiesto al gip di archiviare il caso perché l’ipotesi accusatoria non appare sostenibile per via della difficoltà a identificare i soggetti nei confronti dei quali esercitare l’azione penale. Per la procura non sono emersi riscontri sulle condotte omissive o irrispettose delle disposizioni e linee guida che erano state emanate dalle autorità sanitarie nella fase dell’ondata pandemica. Non vi sono elementi certi relativamente alla modalità dell’avvenuto contagio che quindi per la sua diffusione poteva essere avvenuto in circostanze diverse rispetto alle disposizioni di precauzione. Infine non è emersa l’omissione rispetto alla idoneità delle iniziative di cura visto che la paziente era stata trasferita in ospedale. Di qui la richiesta di archiviazione della procura. 

L’impugnazione

Richiesta impugnata visto che la famiglia ha dato mandato all’avvocato Andrea Guidi di opporsi davanti al gip. Il caso doveva essere discusso ieri, ma il blackout in tribunale, ha portato a un rinvio dell’udienza. Nei prossimi giorni si saprà se si archivierà definitivamente, o si procederà con il supplemento di indagini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA