Ucraina, Google Maps rimuove le informazioni sul traffico in tempo reale per ostacolare le operazioni militari della Russia

La decisione di Google segue quella presa dalle autostrade ucraine un paio di giorni fa, quando sono stati rimossi i cartelli stradali per disorientare le truppe russe sul territorio

Google Maps rimuove le informazioni sul traffico in Ucraina per ostacolare le operazioni militari della Russia
Google Maps rimuove le informazioni sul traffico in Ucraina per ostacolare le operazioni militari della Russia
3 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Febbraio 2022, 19:17 - Ultimo aggiornamento: 1 Marzo, 01:30

Anche Google Maps scende in campo in difesa del popolo ucraino. L'applicazione del colosso di Mountain View, infatti, ha disabilitato le informazioni in tempo reale sul traffico in Ucraina, in modo tale da proteggere i cittadini da eventuali attacchi mirati da parte dell'esercito russo. Google ha inoltre spento Live Busyness, il servizio integrato al motore di ricerca che permette di sapere quanto sono affollati determinati luoghi in determinate fasce orarie. L'obiettivo è sempre il medesimo: non dare alcuna informazione alla Russia nell'ambito del conflitto con l'Ucraina, impedendo azioni militari in luoghi affollati da civili. 

Ucraina-Russia, da Kiev demilitarizzata e "neutrale" al riconoscimento della Crimea: ecco le richieste di Putin

Google Maps rimuove le informazioni sul traffico in Ucraina per ostacolare le operazioni militari della Russia

Il servizio di Google Maps sul traffico in tempo reale utilizza la geolocalizzazione dei singoli smartphone per determinare quanto trafficata sia un'area in un preciso momento: un'informazione potenzialmente cruciale per un esercito che intenda attaccare la popolazione locale. Google garantisce comunque il servizio a chi si trova sul territorio e se ne serve per gli spostamenti passo dopo passo. A confermarlo è il quotidiano locale Kiev Independent. La decisione di Google segue quella presa dalle autostrade ucraine un paio di giorni fa, quando in tutto il Paese sono stati rimossi i cartelli stradali per disorientare le truppe russe sul territorio.

E non è l'unica mossa fatta dal colosso di Mountain View dall'inizio del conflitto. YouTube ha disabilitato la monetizzazione per i video pubblicati da media russi o finanziati dalla Russia. La stessa tipologia di società non può più monetizzare neanche attraverso il motore di ricerca Google. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA