Moda, in spiaggia sandali granchio e cappelli multicolor

Il cappello crochet di Etro
Il cappello crochet di Etro
di Anna Franco
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Luglio 2022, 11:28 - Ultimo aggiornamento: 28 Luglio, 08:00

Forse bisognerebbe dirlo con un po’ di tatto, ma è vietato pensare di essere wild and free. Anche ad agosto.

Anche dall’altra parte del mondo. Va bene la vacanza, va bene abbandonare i tacchi nella scarpiera, tanto più che sulla sabbia non sarebbero proprio la scelta più comoda e indicata. Vanno bene anche i capelli senza una piega specifica, così anche loro potranno riposarsi dall’uso costante della piastra e assaporare quanto è bello farsi asciugare dai raggi solari (ma sempre dopo un risciacquo di acqua dolce e l’apposita protezione). Però anche in estate ci vuole sempre un po’ di stile e gli accessori giusti, da mettere in valigia e da abbinare in più modi, con spensieratezza. Perché quest’ultima non deve davvero mai mancare.

LO STILE

Prima di tutto, attenzione al copricostume. Sicuramente si sono passate ore a scegliere il bikini o l’intero adatto, ma la prima passerella la si fa con un abito indosso, quindi la scelta non può proprio essere trascurata. Questo indumento deve essere semplice, senza troppi fronzoli, perché non si sta andando al gran ballo, ma andare bene anche per una passeggiata tra i negozietti verso il tramonto, con le gote leggermente arrossate dal sole. Quello di Calzedonia ricorda un po’ i vestiti delle dee dell’Olimpo ed è arricchito da dettagli crochet che fanno mare, vacanza e tendenza di quest’anno. Da indossare anche quando si va al bar per una consumazione, perché il bon ton indica almeno un pareo in questi casi: il solo costume non è minimamente contemplato, anche se il locale ha i tavolini a pochi passi dalla marea. A proposito di macramè, il trend può essere anche il protagonista della testa. I cappellini iper colorati stanno bene con l’abbronzatura e con occhiali da sole dall’aria un po’ misteriosa: sono allegri, spiritosi e proteggono dai colpi di calore, oltre che la pelle del viso da macchie o invecchiamento precoce. Da provare anche in città, prima della partenza.

La borsa va scelta capiente. Ci devono stare asciugamano, solari, qualche elastico, portafogli, un libro o una rivista. Se si vuole lasciare a casa qualcosa, il suggerimento è di eliminare la batteria supplementare del cellulare: ogni tanto è buona cosa essere irraggiungibili e fa anche bene alla propria salute mentale. In più la shopper può essere utile per riporvi un po’ di spesa la mattina, per un tocco da giovane francese in vacanza a Cannes, o piccole follie di shopping la sera. Il consiglio? L’intramontabile e resistente paglia, materiale che ha contagiato anche rivisitazioni delle borse più lussuose, perché è duttile, pratica e fa tanto bella stagione ed è anche leggera, almeno finché non la si riempie.

La borsa mare di Carpisa

Per le scarpe da calzare in spiaggia (e non solo) bisogna tenersi forte. I trend indicano un modello in particolare: i sandali granchio. Un tempo si chiamavano jelly shoes, ma la sostanza non cambia e forse sentite già un brivido che vi percorre la schiena. Sì, sono quelle scarpette che la mamma (o la zia apprensiva) acquistava e vi faceva indossare per andare al mare, ma anche per le avventure sugli scogli. Rigorosamente in pvc, il fatto che dovessero essere allacciate e che avessero queste benedette fettucce le faceva considerare un po’ costrittive e troppo da bambini: due cose che davano davvero ai nervi, oltre al fatto che il piede ne uscisse con striature di colore scuro e chiaro. Ora che si è cresciuti, vanno di moda e sono stati proposti anche da Gucci, con logo ben in vista, e da Viktor&Rolf per Melissa.

I sandali granchio color corallo di Gucci

Gli si può dare un’altra chance? Del resto, fanno comodo quando si deve entrare in acque dai fondali ciottolosi. Ultimo accessorio: un gioiello. Si dovrebbero evitare sull’arenile, ma i belly chain, che come cinture sottilissime e luminose, abbracciano il punto vita regalano un twist in più al look e all’abbronzatura. Da provare e da intrecciare in più modi, preferibilmente abbinate a costumi piuttosto sobri nei colori e con poche fantasie o applicazioni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA