Da oggi le prenotazioni per la quarta dose anche a over 60 e soggetti fragili. Più 30% di contagi in una settimana

Da oggi le prenotazioni per la quarta dose anche a over 60 e soggetti fragili. Più 30% di contagi in una settimana
Da oggi le prenotazioni per la quarta dose anche a over 60 e soggetti fragili. Più 30% di contagi in una settimana
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 13 Luglio 2022, 04:45 - Ultimo aggiornamento: 16:06

ANCONA Quarta dose di vaccino anti-Covid estesa agli over 60 e ai fragili di tutte le età, dopo almeno 120 giorni dal primo richiamo o dall’ultima infezione successiva al booster.  Anche la Regione Marche si prepara alle somministrazioni e da oggi sarà possibile prenotare sul sito delle Poste la vaccinazione per le categorie ora ammesse. «Può essere somministrata da medici di famiglia, farmacie e, prenotandosi sul sito di Poste italiane, presso gli hub vaccinali», spiegava ieri l’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini.

Dove il virus corre di più

Le polemiche


Sulle polemiche per le code ed i centri vaccinali trovati chiusi, che affiorano qui e là in diverse località delle Marche, Saltamartini ha risposto che «gli hub vaccinali non sono mai stati smantellati. Il tema è che c’è una scarsa adesione alla campagna vaccinale in questa fase. Invito tutti alla massima cautela, ad usare mascherine, rispettare distanziamento perché il picco potrebbe arrivare tra fine luglio e i primi di agosto. È necessario accelerare con il nuovo vaccino che copre tutte le varianti ma, siccome non è ancora sul mercato, dobbiamo ricorrere al booster che conosciamo».

Omicron corre


Omicron 5 intanto corre, corre. Non solo nelle città più grandi della regione, dove nell’ultima settimana il carico dei “positivi attuali”, cittadini con un’infezione virale in corso, è aumentato tra il 35 e il 45%, tranne nel caso di Macerata, che ha avuto una crescita più contenuta, passando da 555 casi a 659. Ancona è salita da 1.059 a 1.438, Pesaro da 809 a 1188, Ascoli Piceno da 594 a 816 e Fermo da 370 a 538. L’ondata estiva dilaga anche nei comuni più piccoli e persino nei borghi protetti negli altri picchi dell’epidemia dall’isolamento. Basta scorrere la graduatoria, stilata dall’Osservatorio epidemiologico della Regione Marche, basata sull’incidenza settimanale nei comuni, i nuovi casi rapportati a 100mila abitanti. 


In testa, nel periodo 2-9 luglio, c’è il borgo maceratese di Gagliole, neanche 600 residenti e ben 17 nuovi positivi, per un’incidenza settimanale di 2.857, più del doppio della media regionale, salita ieri a 1.310 per effetto di 4.110 nuovi casi registrati in 24 ore. Un aumento del 31% nell’ultima settimana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA