Porto, nuovo blitz della Regione Abruzzo per inserire Vasto nell’Authority. Schiavoni (Confindustria): «Incursioni inutili»

Porto, nuovo blitz della Regione Abruzzo per inserire Vasto nell Authority. Schiavoni (Confindustria): «Incursioni inutili»
Porto, nuovo blitz della Regione Abruzzo per inserire Vasto nell’Authority. Schiavoni (Confindustria): «Incursioni inutili»
di Massimiliano Petrilli
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 07:20 - Ultimo aggiornamento: 09:36

ANCONA L’Abruzzo tenta il blitz sugli assetti portuali. La Regione guidata dal governatore Marsilio ha infatti approvato una delibera di Giunta in cui è stato richiesto formalmente al ministero delle Infrastrutture l’inserimento del porto di Vasto nell’ambito dell’Autorità portuale.

Richiesta non accolta dal Consiglio dei ministri, a differenza di quanto invece avvenuto per Termoli. Questa azione, l’attenzione per il corridoio con Civitavecchia e l’imminente nomina dell’abruzzese Minervino a segretario generale dell’Ap hanno iniziato a far alzare qualche sopracciglio nelle Marche. «Queste continue incursioni dell’Abruzzo non portano nulla di buono, le questioni vanno concordate e con razionalità se si fa parte di un macrosistema» afferma Claudio Schiavoni, presidente Confindustria Marche.


Il pressing
Lo stop romano ha determinato delusione in Abruzzo, ma il governatore Marsilio non si è arreso, puntando a emendare il decreto. Il pressing dell’Abruzzo sull’Authority dunque va avanti. Un peso destinato magari anche ad aumentare mercoledì quando il Comitato di gestione (dove la Regione Marche non ha ancora indicato il suo rappresentante) sarà chiamato a votare il nuovo segretario generale. Incarico destinato (salvo sorprese dell’ultimora) a Salvatore Minervino, direttore marittimo dell’Abruzzo. Un nuovo schiaffo per i porti marchigiani protagonisti dell’Ap, con lo scalo di Ancona a trainare il sistema con il 90% dei traffici.

Le forzature

Mentre prosegue il forcing dell’Abruzzo per far entrare nel sistema anche Vasto. «Ho avuto diverse interlocuzioni con il ministero delle Infrastrutture e ho registrato la disponibilità a emendare in Aula il decreto legge - ha annunciato Marsilio - Ora non sono ammessi ulteriori ritardi, il porto di Vasto assume un ruolo strategico nell’ottica dello sviluppo economico e produttivo del territorio abruzzese». «Certe incursioni non portano nulla di buono - afferma Schiavoni, presidente Confindustria Marche - quando si fa parte di un macrosistema. L’obiettivo di chi governa l’Ap è saper gestire bene e nei posti chiave servono persone brave, capaci e competenti per raggiungere gli obiettivi. E sul porto di Ancona va mantenuta alta la tensione visti anche i recenti segnali: l’accelerazione sulla bretella per l’A14, la conferma dell’ampliamento del bacino Fincantieri, i risultati della logistica e della cantieristica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA