Monte San Giusto, l'azienda accetta
i Bitcoin: «Ma nessuno li utilizza»

Il calzaturificio accetta
i Bitcoin: «Ma nessuno
ha mai chiesto di usarli»
MONTE SAN GIUSTO Cosa hanno in comune la Microsoft e il calzaturificio Lauretta? Apparentemente nulla ma in realtà una cosa c’è, hanno entrambe aderito al bitcoin. Da argomento sconosciuto per i più, i bitcoin sono entrati anche nei bar e nelle parrucchierie diventando un argomento topic di discussione grazie al loro rialzo e alla possibilità di guadagno che hanno offerto.
Negli ultimi anni sono notevolmente aumentate le aziende e le attività che accettano la criptovaluta. Una delle prime grandi società a credere nei bitcoin è stata Microsoft. E due anni fa anche il calzaturificio Lauretta di Francesco Pagliaricci ha preso questa decisione. Attualmente è l’unica azienda della provincia di Macerata ad essere iscritta sulla mappa di quibitcoin.it dove sono censite attività e studi professionali che offrono la possibilità di essere pagati in bitcoin. «Ma nessuno lo ha fatto», spiega Daniele Serrani, chef di professione e appassionato di finanza e criptovalute, che ha convinto l’azienda sangiustese dove lavora la moglie ad offrire questa possibilità. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 24 Dicembre 2017, 08:51 - Ultimo aggiornamento: 24-12-2017 08:51

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO