Positivi al virus, ricoverati il sindaco Cecoli e la moglie. L'appello: «Rispettate le regole e vaccinatevi»

Mercoledì 14 Aprile 2021 di Monia Orazi
Pietro Cecoli

MONTE CAVALLO - Sta combattendo il Covid insieme alla moglie Giovanna Testiccioli, il sindaco di Monte Cavallo Pietro Cecoli. Entrambi si trovano ricoverati nella palazzina ex malattie infettive di Macerata, dopo aver trascorso qualche giorno nel reparto di medicina d’urgenza dell’ospedale maceratese.

LEGGI ANCHE

Burioni: «Contagio all'esterno molto raro, perché non aprire bar, ristoranti e teatri all'aperto?»

Bancarotta e soldi neri a San Marino: sequestro milionario e nove denunciati nella ditta di costruzioni

 

Dal suo letto d’ospedale Cecoli ringrazia il personale sanitario: «Un grazie a tutto il reparto di medicina d’urgenza di Macerata da parte mia e di mia moglie, per l’umanità, la professionalità e l’abnegazione nel seguire noi e tutti i ricoverati in reparto. Da fuori non si percepisce quello che si vive qua dentro, dunque voglio ringraziare pubblicamente tutto lo staff per come svolge il proprio lavoro, sentito come una missione prima ancora che come un dovere professionale».

Il ricovero a medicina d’urgenza è durato da mercoledì a domenica scorsa, nei giorni più critici della malattia. Racconta Cecoli: «Con noi tutti sono stati bravissimi, voglio ringraziare pubblicamente tutti quanti: dai 10 infermieri ed operatori socio sanitari ai medici, il responsabile del reparto Mauro Giustozzi, il dottor Michele Salvatori e la dottoressa Ornella Mattei. Questa struttura è gestita in modo encomiabile e con profonda abnegazione, non siamo mai lasciati soli, quando tutto questo sarà finito e saremo usciti di qui per ringraziarli li voglio avere ospiti a Monte Cavallo. Ora va un po’ meglio ma siamo deboli, però ci tenevamo lo stesso a dire grazie ai sanitari. C’è chi nasconde quello che gli è capitato, io con grande trasparenza voglio raccontarlo per testimoniare quanto queste persone siano fondamentali per curare e salvare vite. Lancio un appello a chi sta fuori a rispettare tutte le regole e a vaccinarsi quando sarà possibile per la propria fascia di età: è l’unico modo per fermare questa malattia».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA