Saman Abbas, il cugino in Italia: «Solo lui può rivelare dove è sepolto il corpo»

Giovedì 10 Giugno 2021 di Valentina Errante
Saman Abbas, il cugino in Italia: «Solo lui può rivelare dove è sepolto il corpo»

Davanti alle autorità francesi ha negato di essere coinvolto nella scomparsa della cugina e non si è opposto all’estradizione, ma adesso Ikram Ijaz, accusato in concorso dell’omicidio di Saman Abbas e dell’occultamento del suo cadavere, è in Italia e dovrà ricostruire davanti ai pm di Reggio Emilia, quelle che i carabinieri e la procura ritengono essere state le ultime ore di vita della ragazza scomparsa nella Bassa Reggiana. 
Ieri mattina Ijaz è stato consegnato a Ventimiglia, alle autorità italiane. La polizia francese lo aveva fermato il 29 maggio scorso a Nimes, mentre stava cercando di raggiungere alcuni parenti in Spagna a bordo di un Flixbus. In serata è arrivato in carcere a Reggio Emilia, a disposizione della magistratura che nelle prossime ore lo interrogherà. Forse anche oggi. 

 

Saman Abbas, il fidanzato a "Chi l'ha visto?": «Il padre mi minaccia ancora dal Pakistan, ho paura»

 

 


L’interrogatorio

La linea difensiva è quella di negare di essere coinvolto nell’omicidio. Ma anche se la confessione che il pm Laura Galli e i carabinieri sperano di ottenere non arrivasse, Ikram potrebbe dare indicazioni sul punto nel quale, la sera del 29 aprile, il giorno prima della scomparsa della diciottenne, è stata scavata la buca dove sarebbe stata seppellita Saman. L’uomo infatti compare nei fotogrammi delle telecamere di sorveglianza vicina all’abitazione della famiglia Abbas, a Novellara. Assieme allo zio Danish Hasnain, 33 anni, ritenuto l’esecutore materiale dell’omicidio premeditato, e a un altro cugino, il 34enne Nomanulhaq Nomanulhaq, è stato ritratto mentre con pale, piede di porco e un secchio si dirigeva verso i campi. Per prendere le distanze dall’omicidio e difendersi, potrebbe anche sostenere di avere obbedito a un ordine dello zio e di non avere idea del fatto che quella buca sarebbe diventata la tomba della cugina, punita perché rifiutava il matrimonio imposto. Ma anche un’indicazione sul luogo sarebbe un grande passo avanti nelle indagini. Del resto, all’avvocato francese che lo ha difeso davanti alle Corte d’Appello di Nimes, Ikram ha raccontato di avere saputo del lutto solo quando era in Francia.

 

Saman Abbas, cugino consegnato alle autorità italiane: continuano le ricerche del corpo nelle campagne

 

Intanto, lo zio e l’altro cugino sono latitanti e ricercati in tutta Europa, dalla Spagna al Belgio e soprattutto in Francia. Il 10 maggio infatti Danish era stato controllato dalla questura di Imperia, verso il confine transalpino, assieme al fratello sedicenne di Saman. Il ragazzo è stato portato poi in una comunità protetta e ha svelato agli inquirenti che ad uccidere la sorella sarebbe stato lo zio Danish.
Ricercati sono anche i genitori - il padre Shabbar, 46 anni, e Nazia Shaheen, 47 anni - rientrati improvvisamente i primi di maggio in Pakistan (come risulta dalle liste d’imbarco a Malpensa, dove invece non figurava Saman) e finiti anche loro indagati per sequestro di persona e omicidio premeditato. Nei loro confronti presto sarà depositata ufficialmente una rogatoria internazionale.

 

 

 

Saman Abbas, il cugino dai pm: la Francia concede l’estradizione. Caccia allo zio che l’avrebbe uccisa


Il sopralluogo

Ieri il comandante provinciale dell’Arma Cristiano Desideri ha effettuato un sopralluogo, assieme alla pm, nella zona delle ricerche del corpo a Novellara, attorno alla cascina dove Shabbar, il padre di Saman, lavorava come custode. I cani molecolari delle unità cinofile e un elicottero dei carabinieri hanno continuato a battere le campagne. Gli inquirenti si sono concentrati soprattutto in un punto esatto, tra alcune serre dell’azienda. «Stiamo lavorando su un’area che riteniamo verosimile per poter individuare il corpo della ragazza. Le ricerche sono in corso e auspichiamo un esito risolutivo anche grazie a strumentazioni tecniche come l’elettromagnetometro che mappa in profondità il terreno per poi andare a ricercare le anomalie non conformi ai parametri inseriti nel software di gestione. In base anche alle immagini acquisite della videosorveglianza abbiamo studiato il comportamento degli indagati», ha spiegato il colonnello Desideri. 

 

Video


 

Ultimo aggiornamento: 06:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA