Che estate sarà? Il piano spiagge sicure: sanificazioni, tracciamento e ombrelloni distanziati

Martedì 13 Aprile 2021 di Valentina Errante
Che estate sarà? Il piano spiagge sicure: sanificazioni, tracciamento e ombrelloni distanziati

La distanza tra gli ombrelloni, con uno spazio di 10 metri quadrati per ogni postazione, la misurazione della temperatura all’ingresso degli stabilimenti, i posti prenotati, il divieto di utilizzare spogliatoi comuni. Sarà probabilmente un’estate come quella dello scorso anno scorso, con le stesse regole da seguire e alcune precauzioni necessarie. Gli imprenditori balneari chiedono di avere il più presto possibile indicazioni chiare. Di conoscere la data dell’avvio della stagione e di prevedere le stesse misure anti contagio del 2020. Per questo sono scesi in piazza. Preoccupati che Grecia e Spagna, si stiano avvantaggiando da un punto di vista organizzativo e che le 30.000 imprese del settore possano arrivare impreparate. Le linee guida, come lo scorso anno saranno dettate dal governo, ma poi ogni regione le applicherà attraverso i propri protocolli con regole che non potranno derogare le direttive.

 

 

 

L’accesso

Prenotare l’accesso agli stabilimenti (anche online), eventualmente per fasce orarie, in modo da prevenire assembramenti, e registrare gli utenti, anche per rintracciare retrospettivamente eventuali contatti a seguito di contagi, mantenendo l’elenco delle presenze per un periodo di almeno 14 giorni, nel rispetto della normativa sulla privacy.

 

 

Gli ombrelloni

Per garantire il corretto distanziamento sociale in spiaggia, la distanza minima consigliata tra le file degli ombrelloni è di 5 metri e quella tra gli ombrelloni della stessa fila a 4 metri e mezzo. È opportuno anche privilegiare l’assegnazione dello stesso ombrellone agli stessi occupanti che soggiornano per più giorni. In ogni caso, è necessaria l’igienizzazione prima dell’attribuzione della stessa attrezzatura a un’altra persona o nucleo familiare, anche nel corso della stessa giornata.

 

 

Distanziamento

Regolamentare gli accessi e gli spostamenti sulle spiagge, anche attraverso percorsi dedicati, e disporre le attrezzature, in modo da garantire in ogni circostanza il distanziamento interpersonale. I bagnanti che non appartengano allo stesso nucleo familiare, in ogni circostanza, anche durante la balneazione, dovranno stare ad almeno un metro di distanza tra loro.

 

 

Attività in spiaggia 

È da evitare, inoltre, la pratica di attività ludico sportive che possono dar luogo ad assembramenti e giochi di gruppo e, per lo stesso motivo, deve essere inibito l’utilizzo di piscine eventualmente presenti all’interno dello stabilimento.

 

 

Informazione 

Utilizzare cartellonistica e locandine con le regole comportamentali per i fruitori delle aree di balneazione e i bagnanti per prevenire e controllare i rischi- comprensibili anche per utenti di altre nazionalità. 

La temperatura

Controllare la temperatura corporea, ove possibile, del personale e dei bagnanti con interdizione di accesso se questa risulta superiore ai 37,5 gradi,

Spazi comuni

L’uso delle docce chiuse e degli spogliatoi comuni sarà vietato, così come qualsiasi forma di aggregazione che possa creare assembramenti, quali, tra l’altro, attività di ballo, feste, eventi sociali, degustazioni a buffet; di interdire gli eventi musicali, con la sola eccezione di quelli esclusivamente di “ascolto” con postazioni sedute che garantiscano il distanziamento interpersonale.

Sanificazione

Pulire, con regolarità almeno giornaliera, le varie superfici, gli arredi di cabine e le aree comuni e sanificare in modo regolare e frequente attrezzature (sedie, sdraio, lettini, incluse attrezzature galleggianti e natanti), materiali, oggetti e servizi igienici, limitando l’utilizzo di strutture (cabine docce singole, spogliatoi) per le quali non sia possibile assicurare una disinfezione intermedia tra gli utilizzi promiscui. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 15 Aprile, 09:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA