Regina Elisabetta riappare in pubblico, passeggiata (con bastone) alla mostra allestita nel castello di Windsor

Venerdì 25 Marzo 2022
La regina Elisabetta II

 

Un segnale positivo arriva dalla regina Elisabetta, 96 anni il mese prossimo, dopo che nei giorni scorsi si era parlato molto dei suoi problemi di mobilità a causa dell’età, con voci riprese dai tabloid sull’uso di una carrozzella. È riapparsa in pubblico e ha camminato, sorridente, aiutandosi con un bastone mentre visitava una mostra di teiere e oggetti d’antiquariato e una dimostrazione di alcuni artigiani allestite per lei all’interno del castello di Windsor dove risiede ormai da tempo. 

 

 

 

 

Regina Elisabetta riappare in pubblico

L’evento è stato organizzato per le celebrazioni dei 70 anni sul trono di Elisabetta, il suo Giubileo di Platino. Restano comunque le incognite sui prossimi appuntamenti esterni tuttora in programma sulla carta nell’agenda della regina, in particolare la messa in memoria del principe consorte Filippo, prevista il 29 marzo a qualche giorno dal primo anniversario della sua scomparsa. Intanto il governo di Boris Johnson ha fissato per il 10 maggio il Queen’s Speech, il tradizionale Discorso della Regina con cui Sua Maestà inaugura la sessione del Parlamento di Westminster presentando le linee programmatiche dell’esecutivo. Si tratta di un appuntamento istituzionale cruciale per la sovrana, al quale non intende rinunciare, anche perché una sua eventuale assenza mostrerebbe una incapacità effettiva a guidare la monarchia.

 

GLI IMPEGNI

Per alcuni mesi Elisabetta II non aveva partecipato a impegni esterni. Da ottobre in avanti, quando i medici le raccomandarono tassativamente un periodo di riposo durante il quale fu costretta anche a sottoporsi a un raro ricovero ospedaliero di 24 ore per imprecisati accertamenti diagnostici, Sua Maestà aveva svolto al massimo un’attività limitata, sempre all’interno del castello di Windsor dove ha trascorso in semi isolamento quasi tutto il biennio della pandemia. Nelle ultime settimane, dopo il contagio da Covid annunciato dalla corte a metà febbraio (alcuni giorni dopo quello dell’erede al trono Carlo) con sintomi definiti «leggeri e simili a un raffreddore», erano state già cancellate varie udienze virtuali o faccia a faccia.

 

 

 

 

Le udienze

Udienze riprese di persona solo quando ha ricevuto prima il premier canadese Justin Trudeau, in visita a Londra, il quale ha detto di averla trovata bene; e un paio di giorni dopo il capo di stato maggiore della Difesa britannico, ammiraglio TonyN Successivamente, avrebbe dovuto tornare a farsi vedere per un appuntamento pubblico collettivo fuori dal castello, in occasione dell’annuale servizio del Commonwealth Day nell’abbazia di Westminster assieme al principe Carlo, alla di lui consorte, Camilla, e ai duchi di Cambridge, William e Kate. Tuttavia, Sua Maestà alla fine, «dopo averne discusso con la Casa Reale, aveva chiesto al Principe di Galles (Carlo) di rappresentarla». «La Regina - aveva assicurato il portavoce - continuerà a svolgere altri impegni pianificati» dentro il castello di Windsor, «incluse udienze di persona». 


Non risulta viceversa al momento revocata, come detto, la sua annunciata partecipazione - sempre nell’abbazia di Westminster - alla liturgia del 29 marzo in memoria del principe consorte Filippo, morto il 9 aprile 2021 alla soglia dei 100 anni. Liturgia a cui non ci sarà invece sicuramente il nipote “ribelle” Harry, secondogenito di Carlo e fratello minore di William, a causa di supposte difficoltà nell’organizzare il suo viaggio dagli Usa, dove vive ormai in pianta stabile con la moglie Meghan e i piccoli Archie e Lilibet Diana - in California - dopo il traumatico strappo dal Regno Unito e dalla Royal Family. 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA